Passa ai contenuti principali

Nostalgia

Io odio questi mal di testa! Mi sembra di avere un martello pneumatico che mi perfora il cervello, se faccio movimenti troppo veloci mi viene la nausea e se sto ferma immobile non passa lo stesso! Per fortuna dura qualche ora, di solito, e poi mi dà tregua... Credo che lo chiamerò Gualtiero, come il mal di testa personale di Paperino in una vecchia storia. C'era prima Goffredo, il raffreddore personale (lo vedeva solo Paperino, sì Paperino non aveva tutte le rotelle a posto, immagino), e poi alla fine, quando si era finalmente riuscito a liberare di Goffredo, arriva Gualtiero. Fine. Così, ecco che Gualtiero viene da me, adesso, un paio di volte al mese, e mi chiedo se sono l'unica che si ricorda di quel fumetto, perché non ho trovato la vignetta che ritraeva Goffredo con Paperino nemmeno su Goooooogleimmagini.

Nel mio tentativo di diventare una persona sempre migliore, al momento mi sto dedicando alla scrittura di alcuni articoli per un sito, e speriamo che se ne ricavi qualcosa. Si tratta di una cosa in fase sperimentale, e comunque non posso togliere tempo al mio lavoro principale, quindi si tratta anche di una attività "collaterale".
Per il resto, riscaldamento acceso, maglioni, cappotti... è arrivata la mia stagione.

Ieri su Facebook ho messo un'immagine che mi ha catapultata dritta dritta nella mia quasi-adolescenza, quando ero alle medie e giocavo a Indiana Jones and the Fate of Atlantis sul mio vecchio computer (chissà se era un 486? Non ricordo), con mio fratello. Ore e ore passate sul Dialogo Perduto di Platone in cerca della combinazione giusta per entrare ad Atlantide. Che fico. Che nerd. Ricordo che era lunghissimo, e so che alcune soluzioni per andare avanti me le aveva date un'amica di mia cugina che a sua volta ci spendeva le ore assieme a suo fratello, e non so se loro ci erano arrivati da soli o con l'aiutino. Credo che quel videogioco sia stato all'epoca più famoso di quanto immaginassi, solo che era famoso per quelli un po' più grandi di me, a quanto pareva i miei compagni di classe non avevano un computer o non avevano una spiccata inclinazione per quel genere di videogiochi (forse nemmeno io, ma quello mi piaceva da matti, mi ricordo che ce l'aveva comprato mio papà insieme a quello dei Lemmings alla SME).
Be', certo, non provoca moti d'animo così nostalgici come può farlo ripensare ai pomeriggi passati con l'Atari... il mio gioco preferito era Desert Falcon, soprattutto quando a fine schermo dovevi distruggere la brutta facciaccia della Sfinge, Space Invaders e la Formula Uno, solo che quando ci giocavamo in due mio fratello arrivava sempre primo e io seconda. Del tennis ricordo solo che per qualche motivo non funzionava. E a Pacman ci giocavamo solo quando ce lo prestava un amico di mio fratello. Ah il calcio era terrificante, gli omini correvano lentissimi. Da lì dev'essere nato il mio odio per questo sport.
Adesso i videogiochi sono così diversi! Ma belli, solo che ormai non ci gioco più, però se Babbo Natale mi facesse la cortesia di portarmi la Wii magari un po' di tempo potrei anche usarlo per avvicinarmi di nuovo a questo genere di realtà alternativa... (suona carino detto così, no?).

Commenti

bob ha detto…
pur'io giocavo ai Lemmings sul mio 486. e ci gioco ancora a questo genere di giochi, a costo di dover installare la DOS box sulla mia macchina Linux (in quanto a nerdaggine non puoi competere con me).
Miky ha detto…
no, va be', la mia è solo un'aspirazione alla nerdaggine, so di non poter competere con moltissima gente :)
francesco ha detto…
Me lo ricordo anche io di Gualtiero, lo stavo cercando e sono finto qui. Si, confermo, è l'unica citazione a quella storia in tutta la rete...la stavo cercando per farla vedere a mio figlio...
Michela Gregoris ha detto…
ciao francesco! divoravo le storie di topolino da piccola, e alcune mi sono rimaste davvero impresse! devo controllare se a casa di mia mamma sono rimasti i vecchi topolini miei e di mio fratello, magari trovo la storia in questione...
francesco ha detto…
C'era Gualtiero il mal di testa e poi alla fine della storia arriva Goffredo il raffreddore personale...ciao Michela guarderò il resto del tuo blog !
Baron Karza ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Miky ha detto…
No va be', ma grazie 😮😊
Baron Karza ha detto…
Scarica il cbr e te la puoi leggere tutta!
link a wetranfer, valido 2 settimane
Per vedere i cbr scarica qualunque free reader, tipo questo:
http://www.cdisplayex.com/

Post popolari in questo blog

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

La ciliegina sulla torta

Esco da un weekend bello. Bello davvero, pur nella sua semplicità. Intanto venerdì sera io e la mia amica storica (che vive a Parigi) siamo uscite per aperitivo e cena, solo noi due come ai vecchi tempi. Se è difficile farlo in generale perché gli impegni, il lavoro, la bimba eccetera, figuriamoci con una persona che torna in Italia solo di tanto in tanto! Ma questa volta ce l'abbiamo fatta, e non poteva essere diversamente perché lei ne aveva senz'altro più bisogno di me, dato che ha appena attraversato uno di quegli scossoni della vita che la vita per come l'avevi pensata fino a poco prima te la cambiano.  E dopo un sabato in famiglia per compleanni vari, domenica gita a Venezia! L'anno scorso ci abbiamo portato una piccola Dafne che già camminava ma dormiva nel marsupio. Ma quest'anno ci siamo andati in treno, abbiamo camminato tutti e molto (Dafne non usa il passeggino da quando ha un anno e mezzo, quindi ci si arrangia così: camminare o in braccio – la schiena…

Puzzle

So che mi riprenderò, ma mi sembra che quest'anno sia cominciato in salita. Non riesco a togliermi questa immagine dalla testa. E non c'è un motivo particolare, una causa negativa scatenante che abbia reso le cose difficili, o tristi, ma semplicemente una concatenazione di eventi normali, una quotidianità a cui non riesco ancora a dare una forma, che non riesco a plasmare a mia immagine e somiglianza. È un problema, perché nel frattempo i giorni si susseguono e in un modo o nell'altro li devi portare in fondo, ma mi sembra che se ogni giorno lo porto in fondo con fatica, quello successivo inizierà con ancora più fatica. È un circolo vizioso, lo so, e so anche che probabilmente basta girare una chiave nel punto giusto e comincerà pian piano a ritrovare tutto il suo giusto posto. È che quella chiave mi sembrava di averla trovata, ma forse, per come arrivo sfinita alla fine della giornata, non era la chiave giusta. Comunque la sensazione predominante è che ci sia qualcosa ch…