Passa ai contenuti principali

Il posto di lavoro

Che nel mio caso significa: dove mi metto a lavorare, in cucina, in salotto, in giardino? (O in camera?, ma solo quando non sto tanto bene o mi tocca lavorare quando in casa c'è un po' di "casino" - bambini che giocano, di cui uno dei due è ultratrentacinquenne.) Devo dire la verità, mi trovo bene in qualunque luogo e mi trovo male in qualunque stanza, ovvero dopo un po' mi tocca cambiare posizione o postazione, in questo senso mi annoio molto facilmente.
Al momento la scelta è per il salotto: intanto perché è l'unica stanza dotata di aria condizionata, è la più ampia e luminosa, se c'è del lavoro leggero mi tengo anche la tv in sottofondo e niente è più comodo del binomio divano+pouf.
D'inverno invece prediligo la cucina, più calda e accogliente, e poi sul divano rischia di venirmi troppa voglia di dormire. Il letto invece è troppo scomodo sempre, e poi ho vissuto un sacco di tempo costretta a studiare in camera e preferisco per lo meno dividere il luogo di lavoro da quello del riposo.
Il giardino è riservato solo alla mezza stagione (anche se non esiste più, dicono) perché d'estate si schiatta.
Domani invece mi tocca andare a Udine, che in realtà è un bene perché ci vado per prendere un lavoro, ma è male, anzi IL MALE perché fa un caldo fotonico, e credo che non ci sia niente di peggio dell'andare in stazione con una macchina priva di aria condizionata, prendere un treno che speriamo non sia in ritardo e che l'aria condizionata ce l'abbia, ma soprattutto ritornare indietro presumibilmente con un caldo ancora più fotonico e dover entrare in una macchina che ha riposato sotto il sole per delle ore. Ce la farò. Spero solo che il mio cane riesca a non soffrire troppo il caldo, porello, soprattutto perché anche se posso tentare di lasciargli in giardino una bacinella piena d'acqua, temo che nemmeno il rischio di un colpo di calore riesca a fargli superare la paura di sguazzarci dentro. O forse sì?
Domenica siamo stati a prendere un po' di sole in riva a un torrente, su in montagna, si stava meglio ma faceva comunque caldo e l'abbiamo buttato dentro (per forza, altrimenti moriva) un po' gli è piaciuto, credo, o per lo meno gli dava sollievo, ma da solo non entrerebbe mai. Che bella giornata è stata quella, si stava così bene con il rumore dell'acqua che scendeva dalle rapide, altro che mare. Anche quello potrebbe essere un buon posto per lavorare, sia il rumore sia il panorama erano terapeutici, a mio parere... e mentre la gente fa sapere attraverso Facebook dove si trova (XY si trovava qui: spiaggia tal dei tali; oppure: XY si trovava qui: Parigi; XY si trovava qui: machissenefrega) avrei voluto dire: be', io ero a Claut, a costo zero tranne la spesa per i panini di mezzogiorno, c'era sole e c'era ombra, c'era acqua fresca (fredda, meglio) e non sarei voluta essere da nessun'altra parte al mondo. (Forse in Islanda sì, ecco, le dovute eccezioni bisogna pur farle.)

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…