Passa ai contenuti principali

Letture


Zuma è un canetto felice. Almeno finché non lo porti in centro a Pordenone.
E ci credo che è felice: non deve mica spendere un patrimonio tra collaudo, bollo, cambio pastiglie e dischi, rinnovo patente e qualcos'altro che non so cos'è ma prima o poi arriverà di sicuro!
Oggi ho corretto la bozza di un libro, e devo dire che mi mancava un po' il mio "vecchio" lavoro: meno retribuito delle traduzioni ma sempre il mio primo amore. Oltretutto la storia mi è anche piaciuta parecchio, nonostante io non sia d'accordo con la scelta del titolo (ma su questo non ho voce in capitolo, quindi pazienza). Entrare nelle belle storie è sempre un piacere. Perdertici dentro poi, perché invece che leggere nel tempo libero sei "costretto" a farlo in un paio di giorni (perché le scadenze editoriali mettono sempre il fiato sul collo), ti ci fa immergere ancora di più.
Di recente però ho letto anche altro, come il bellissimo "La trama del matrimonio" di Eugenides, che ritengo uno degli scrittori più abili di questi tempi, un vero romanziere d'altri tempi, più che di questi... Perché per rimanere in questi tempi ora sto leggendo "Il re pallido" il libro postumo di Wallace, che promette bene. La cosa che mi spiazza di Wallace è che ogni volta parto con quella diffidenza che mi fa pensare (anche se di lui qualcosa ho già letto): come farò ad affrontare un romanzo post-moderno (non so se è la definizione-idea giusta ma al momento non mi viene di meglio) senza perdere il filo del discorso e senza annoiarmi (perché diciamolo, dopo un Eugenides attento al dipanarsi della trama come Jane Austen, un Wallace che potrebbe sorprenderti con qualcosa alla Joyce o simili può spaventare un po'). E invece. E invece. Ogni volta, nonostante le frasi a volte si accavallino mandandoti in leggera confusione, Wallace mi sorprende. Riesce a tenermi attenta. Riesce a non annoiarmi. E dire che a volte mi sono ritrovata scettica sul giudizio di chi lo ritiene un genio, qualunque cosa ciò significhi (non ho letto "Infinite Jest", non ancora, ma soltanto perché c'è stato un momento in cui Wallace era talmente la moda del momento che la diffidenza mi ha bloccata. E poi non avevo davvero tempo per leggere un simile tomone.) Riprendendo la parentesi poi, devo dire che leggere tutto il contorno prima del pezzo forte (più o meno tutti partono da "Infinite Jest", che forse più che una lettura è una sfida con se stessi) mi sembra un'idea con una sua logica intrinseca (anche se - molto illogicamente - non so proprio quale essa possa essere), o forse è che devo davvero avere tempo, perché ci metto poco a dimenticare le pagine che leggo (capirete bene che leggendo una quantità abnorme - esagerata!! - di libri causa lavoro, la mia testa deve lasciare spazio a nuove informazioni di volta in volta, quindi più tempo passa più si abbassa il posto in classifica delle pagine lette e poi lasciate per troppe settimane). O magari è solo perché nessuno me l'ha regalato. Chi lo sa.

E qui finisco, perché a trovar una conclusione son bravi tutti, e io invece sono qua che non so come intitolare questo post...

Commenti

bob ha detto…
che bel cane che hai. prendero' pure io un cane appena ho una casa con giardino e piu' tempo a disposizione, ora devo pensare alla carriera e sto lavorando come un pazzo. sono dell'idea che i cani dovrebbero stare piu' tempo possibile all'aria aperta. quindi per ora mi "accontento" di un gatto, anche se ha dei comportamenti molto canini, tipo mi viene a salutare quando torno a casa, si arrabbia e miagola quando qualcuno non lo accarezza o non gioca con lui, si avvicina sempre agli estranei e ci fa conoscenza. roba mai vista per un gatto. secondo obiettivo e' quello di trasferirmi in una citta' con un sistema di trasporto pubblico decente, cosi' potro' fare a meno per sempre della macchina (un sogno). saluti.
Miky ha detto…
eheh, che gatto simpatico che hai! pensa che Zuma abbaia ancora al mio ragazzo ogni tanto, è un cane un po' problematico, ma è un bravo cane. Ed evviva i traporti pubblici (funzionanti). Ciao

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…