Passa ai contenuti principali

Dìas de verano (l'accento sulla i va dall'altra parte, ma non avevo voglia di cercare il codice Ascii)

Aaaaah è venerdì e mi rilasso...

no, veramente no, lavoricchio stasera per non doverlo fare troppo nel week end, ma va bene così, finché pagano... ^_^ no, non sono venale, sono squattrinata, è diverso.
Però venerdì prossimo (e incrociamo le dita che tra Eyjafjallajökull che strombettano - a proposito: sapete che i TG dicevano il vulcano dal nome impronunciabile? ecco, la pronuncia potete sentirla cliccando qui - e cazzi&mazzi vari non si sa mai...) si va a vedere Iggy, e a fine luglio... wir fahren nach Berlin!

Nel frattempo aspetto con ansia di vedere gli zombie in libreria, perché è grazie a me che parlano italiano (questa era un po' pretenziosa, lo ammetto; d'altra parte è una delle cose che mi tirano su il morale e mi fanno sentire che qualcosina la so fare anch'io). Però non arrivano, o sono io che non li vedo o non li cerco bene. Tant'è, so che ci sono, e non sono da rinchiudere (io, loro forse sì).

Il babbo sembra in ripresa, speriamo bene, il caldo continua ad aumentare, quest'anno ho anche preso un vago colorito che mi rende meno cadaverica, anche se Abby Sciuto continua a battermi in questo. (Per chi non sa chi è.)

Adesso so anche cos'è lo steampunk. Se ne imparano di cose leggendo tanti libri per bimbi-ragazzi, e anche facendo ripetizioni. Per esempio conosco almeno una teoria sullo sviluppo della personalità e so vagamente come funziona (molto molto vagamente) il test di Rorschach, e so anche che l'articolo 29 della nostra Costituzione riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Per dire. A cosa mi serviranno queste nozioni non ne ho idea, ma ogni tanto in un discorso buttarla lì dentro può tornare utile. Tipo per cambiare argomento. Oppure andare in giro con le tavole simmetriche di Rorschach (sì, le famose macchie che gli psicoterapeuti fanno vedere ai pazienti nei film) e chiedere: secondo te qui cosa c'è? E poi interpretare la risposta, ovviamente inventando tutto di sana pianta, ma atteggiandosi da esperti. E dire qualcosa del tipo: non hai ancora superato la fase anale, il tuo sviluppo della personalità non si è completato e quindi...


... 3 mesi di vita.


che ovviamente non c'entra.
E poi magari Rorschach si è solo inventato una cosa così, che pareva suggestiva, un giorno gli è caduto l'inchiostro su dei fogli (piegati a metà), sono saltate fuori le macchie simmetriche e si è messo a giocare, tipo quando si guardano le nuvole. E siccome voleva fare soldi ha inventato questa cosa del test della personalità. E ha gabbato tutti.
Il nostro equilibrio psico-sociale potrebbe essere nelle mani di un branco di farabutti e non lo sappiamo. Secondo me David Icke mi darebbe ragione.

Ma io sto scherzando.

Forse.

Ciau, basta cazzate per stasera, davvero!!!!!!!

P.S. Comunque quando mio cugino mi parla dei giochi di ruolo a cui gioca al PC non capisco una parola di quello che dice. Il che mi fa sentire vecchia. Andrò a ripetizioni di videogiochi, prima o poi.

Commenti

bob ha detto…
Sono completamente d'accordo con te sul fatto che la teoria di Rorschach sia un'enorme cazzata (e forse tutta la psichiatria). Sei in buona compagnia comunque, sto dando ripetizioni di matematica ad una dodicenne e mi parla tutto il tempo di Teen Vogue, Lil Wayne e Gossip Girl. Lascio a te il brivido di scoprire di cosa diamine sto parlando. A presto.
Miky ha detto…
Ahah, Gossip Girl so che esiste (vagamente), il resto non ho idea...
^_^ a presto!

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

8/52 Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!

Credo di essermelo detta tante volte, in momenti di difficoltà. Una frase che però nessuno mi ha mai detto, parole che non pronuncerei, penso, a nessun altro. Solo a me stessa, perché è con me che sono ipercritica, e a me stessa che dico che non devo mollare, che devo trovare l'opportunità nella difficoltà, che non devo darla vinta all'indolenza o allo sconforto, perché le risorse che possiedo, e lo so bene, sono tante. Ed è così che mi sento la maggior parte del tempo, cercando di limitare le negatività e credendo più nella possibilità che nell'impossibilità. E con le persone importanti nella mia vita, quelle di adesso e quelle che ci saranno in futuro, faccio lo stesso: no, dire te la sei voluta non serve a spronare una persona a fare meglio, è un po' come dare una colpa ed è quasi come arrendersi, scaricare responsabilità quando qualcuno chiede aiuto. Perciò no, non dico adesso pedala, magari dico altro, qualcosa che suonerebbe come un Puoi pedalare, sei in grado di…