Passa ai contenuti principali

Cento cento... centouno...

Soundtrack: Hot Hot Heat - No, not now

Il centesimo post... no un momento.
Ero convinta che questo fosse il centesimo post, e invece ora mi accorgo che il centesimo era il precedente... a saperlo avrei scritto qualcosa di più intelligente [risate in sottofondo].
Ricominciamo.
Il centunesimo post si è fatto aspettare lo so (non essendo il centesimo la cosa perde di senso a dire il vero), insomma, prima volevo aspettare l'occasione della laurea, poi dopo essermi laureata devo avere avuto un rigetto di scrittura (è solo una scusa: in realtà era mancanza di ispirazione. Che è un modo gentile per dire che volevo poltrire del tutto).
Dunque mi sono laureata, ho già scritto il centesimo post, sto cercando lavoro. Queste sono le novità.
Ciao.

Ok ok, scherzo, scrivo qualcos'altro.
Non ho vinto al concorso di scrittura a cui ho partecipato, ma questa non vale come "ultime cose che ho fatto", in effetti.

Oltretutto quando leggi un libro che inizia con la frase «Il primo raggio di luce che illumina le tenebre e trasforma uno splendore abbagliante l'oscurità che ravvolge gli inizi della carriera pubblica dell'immortale P*** trae origine dalla lettura del seguente documento [...]» che è forse la frase migliore, almeno per me, per l'inizio di un libro, perché è proprio l'immagine del prima del libro e dopo il libro, prima il buio, e poi le parole che parlano di qualcosa e fanno luce su una vicenda. Be', dicevo, quando leggi un libro che inizia così ogni velleità letteraria va a farsi friggere. Non scriverò mai, non dico un libro, ma almeno una frase che possa eguagliare quella capacità evocativa lì. E quindi. Poi invece ti ricordi che pubblicano roba coma Federico Feccia o Melissa Putt. e allora ti consoli, magari ti ci infili anche tu con la tua mediocrità un po' meno kitsch e un po' meno 'gnuranta degli esempi sopraccitati (o sopracitati, a piacimento).
Oppure forse è meglio morire in povertà, e dire, no in mezzo a quelli io non c'ero.

Ho scritto P*** invece del nome per esteso nel caso qualcuno volesse giocare al gioco "quale libro inzia con la frase ... ?". Prometto che sarò una perfetta Gerry Scotta, senza il milione da elargire però. ^_^

E che bello godersi un po' di relax adesso!
Spero che il centodue arrivi un po' più in fretta. Che detto così sembra che stia parlando di un autobus.

Commenti

bob ha detto…
beh l`ultima frase del post non e` male, almeno a me ha fatto ridere, magari un libricino potresti anche riuscire a scriverlo (nessuna ironia, sono sincero :))
Miky ha detto…
grazie grazie, il sostegno del pubblico è sempre gradito :)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…