Passa ai contenuti principali

Spesa intelligente

Sembra un titolo tipo quella trasmissione terribile con Di Pietro (non quel Di Pietro) che si intitola "occhio alla spesa", ma non è così.
Stamattina sono andata in coop a prendere il pane e degli yogurt.
Arrivo al banco frigo godendomi il fresco (veramente a Casarsa si potrebbe parlare di gelo visto che esagerano un po' con il condizionatore, ma sorvoliamo), preparandomi mentalmente alla scelta dei gusti.
Scelta dei gusti?
Esistono all'incirca 432.755,3 tipi di yogurt!!! Entro nel panico... prima passo in rassegna i prezzi, scartando quelli che costano di più solo perché si chiamano Müller o Yomo. E fin qui tutto ok.
Mi restano gli yogurt della coop, quelli senza marca con disegnato l'euro su sfondo giallo che vuol dire che sono quelli che costano meno, e poco altro. Incuriosita dal perché uno costi quasi 2 euro mentre altri arrivano sì e no a 80 centesimi e la differenza non è data dalla marca, leggo meglio sulle confezioni, non vorrei mai spendere poco e accorgermi quando arrivo a casa di aver preso lo yogurt senza grassi-senza aromi-senza latte-senza gusto-senza yogurt. Al tofu.
Allora noto che c'è una scrittina in parte al disegnino della frutta: varie scrittine, perché c'è lo yogurt magro, quello biologico, quello con i fermenti lattici vivi, con il bifidus lactis immunitas (io questo bifidus me lo immagino come una specie di vermetto con la lingua biforcuta e il ghigno insolente, non so voi, tipo sono vivo e ti farò venire un mal di pancia fotonico, passerai talmente tante ore seduto sul water che rimpiangerai la stitichezza, ah ah ah --> la risata è beffarda, ovviamente); poi c'è lo yogurt naturale inodore e insapore, quello magro ma irrobustito dopo ore di palestra, quello obeso, quello anoressico e quello bulimico, quello depresso, quello con problemi di autostima ma sta cercando di venirne fuori, quello che ha rubato il parcheggio agli yogurt magri che sono troppo deboli per reagire, quello straniero che ruba il lavoro agli yogurt italiani (!), quello che prende la Marcuzzi che non ho capito bene se fa andare di corpo o se ti fa venire due tette così (la pubblicità può essere ingannevole in molti modi sottili).

Volevo uno yogurt normale alla frutta. No, non lo voglio alla papaya, al frutto della passione, al germe di grano, nemmeno al gusto di benzina, o di liquirizia (mmm dev'essere buono alla liquirizia, chissà se esiste).
Yogurt alla marlboro light, interessa? Spegne la voglia di fumare.
Tipo alla banana non ci sarebbe?

Il banco frigo si fa una risata, indicandomi il reparto di yogurt mediocri, fuori moda e senza un briciolo di fantasia. Che non per questo costano poi tanto meno.

Sono tornata a casa con una confezione da due di yogurt alla banana. L'altra è agli agrumi, che è quasi normale come gusto, anche se non è fragola, pesca o albicocca, ma AGLI AGRUMI... è che quella cavolo di confezione arancione mi ha fatto voglia...
Siamo vittime delle confezioni ammiccanti, anche al supermercato.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…