Passa ai contenuti principali

Ho Plutone in Topolinia...

... e non lo so, probabilmente Saturno in Babilonia, tant'è che sono settimane un po' pesanti, dal punto di vista dell'umore.
In ogni caso, siccome solo io posso cambiare tutto ciò, chiamo Basettoni e caccio Pluto. Plutone volevo dire. E anche Saturno.

Genitori gnogni danno vita a figli altrettanto gnogni (e non credo di dover definire il termine "gnogno"), non so se per discendenza genetica o per cattiva educazione. O un incontro sfortunato di cromosomi. Quindi cari genitori, prima di procreare, guardatevi allo specchio e pensate attentamente, e valutate con spirito critico: sono pronto a diventare un po' meno gnogno di modo che i miei figli possano crescere svegli, e capricciosi solo fino a un certo punto, e possibilmente abbastanza furbi? Sì o no, mettere una croce sulla casella corretta e agire di conseguenza. Perché ogni tanto certi genitori hanno bisogno di una svegliata (oltretutto c'è il rischio che il figlio non sia nemmeno troppo gnogno, e riesca a un certo punto a inchiappettare furbamente il gnogno genitore, che a quel punto se lo merita tutto.) E tale pensiero mi sorge dal fatto che in questi giorni di elezioni i figli dei vicini sono a casa tutto il giorno, e non fanno altro che rompere i maroni, con i genitori che hanno tipo un'espressione con un sorrisino beota e sembrano dire "eh, ma son bambini", e va tutto bene, perché poi tanto la domenica li portano in chiesa. Mah.
Mia mamma dice che da piccoli io e mio fratello non eravamo così rompiscatole. Sarà vero, o ognuno è più indulgente verso i propri figli rispetto che verso gli altri? In realtà la spiegazione di mamma è stata "Probabilmente perché avevo la manina lesta". Io non ricordo una sberla che sia una data da mia mamma, eppure quando serviva sicuramente ce le dava, ma quelle sberle innocenti per farci capire tipo lì non si tocca-bambino insiste-sberla sulla mano, e piangi pure che poi ti stufi. E se non le ricordo vuol dire che non sono traumatiche. O forse alla fin fine eravamo buonini e non le abbiamo prese poi tanto spesso.
Chissà, non credo avrei mai cuore di dare neanche una minima sberletta ai miei figli, ma speriamo in metodi alternativi. I miei probabilmente saranno i più pestiferi del mondo, e io creperò di esaurimento nervoso, giusto perché sto inveendo contro i figli dei vicini che sono tanto timorati di Dio e Dio mi punirà. ^__^

Per dare un'idea del tipo gnogno, ciucciatevi 'sto video: il gnogno è qui rappresentato con una mimica perfetta nel momento in cui si parla del tipo del commercio equo e solidale...



Con tutto rispetto per i commercianti equi e solidali.

Tre, che bel numero, e anche otto, me li gioco? (Non lo farei mai, tanto perdo sempre al gioco... :-ppp).

Commenti

magma ha detto…
E invece quando i figli iniziano a far da genitori ai genitori... l'hai provato? :P
Miky ha detto…
sì ogni tanto è capitato :-) quando i genitori fanno i gggiovani... ma anche perché SONO giovani e hanno ragione. però, insomma...
eh sono preoccupazioni anche quelle... :D
magma ha detto…
Non solo quando fanno i ggiovani... ma quando si comportano da bambini... :P

Se il fenomeno si presenta su base regolare è preoccupante... :-)
Miky ha detto…
mia nonna, il cui dialetto tende al veneto, dice sempre: a 6 anni se zè putei, a 60 se torna quei (cioè a 6 anni si è bambini, a 60 si torna ad esserlo). direi che ci siamo... i detti popolari vincono ancora una volta!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…