Passa ai contenuti principali

Manca il filtro

Se qualcuno dal titolo pensava che avrei scritto qualcosa su caffettiere, lavatrici, lavastoviglie o sigarette si sbaglia.
Ora cerco di spiegarvi il problema.

Ieri sono andata a dormire verso boh mezzanotte poco prima. Siccome ero stanca ma la mente era ben sveglia ho cercato di distrarmi e di calmarla leggendo. Sto leggendo L’eleganza del riccio, che ha il potere di impegnarmi la mente ma ha una sua intrinseca pacatezza che non so per quale motivo mi calma tantissimo. No, non sto dicendo che è noioso e mi fa dormire! Dopo una mezz'ora, abbastanza convinta di riuscire ad addormentarmi, poso il libro sul comodino, spengo la luce, scrivo un sms di buonanotte e pace.
Pace?
Pensavo che il mio cervello avesse smesso di funzionare, e invece no!!!! Inizia tutta una serie ingarbugliata di pensieri, associazioni di idee, battute stupidissime che però mi fanno ridere, e allora me le ri-racconto e da lì me ne vengono altre (non dubitate però: oggi le ho già dimenticate quasi tutte). Ma non quei pensieri in dormiveglia, ero proprio sveglissima! Cerco di svuotare la mente. Niente da fare, perfino il cuore batte più forte mentre tutta una serie di stronzate mi girano per il cervello. Dentro la scatola cranica c’era un vero e proprio party… non ero stata invitata o era una festa a sorpresa? Ma io voglio dormire, mi bruciano gli occhi anche se li tengo chiusi e al buio per colpa della giornata al pc! Uffa!
Poi finalmente riesco a dormire. Alle 4.30 mi sveglio. COSA? Sì, io alle 4.30 mi sveglio. Una volta questo non succedeva MAI. Se mi addormentavo mi ci volevano minimo 3 sveglie per buttarmi giù dal letto. Anche adesso in effetti, ma una volta era tutta una tirata fino al maledetto suono dell’orologio infame. Cosa vuol dire che adesso mi sveglio nel cuore della notte? INAUDITO! Mi succede sempre più spesso. Ricordavo vagamente che stavo facendo sogni agitati, in cui succedevano cose assurde e i miei denti erano tutti storti (sogni negativi sui denti sono segno d’angoscia in genere… così dicono) e comunque in effetti ieri a cena ho mangiato troppo… ma io mangio sempre troppo, che novità sarà mai? Ho il cervello troppo attivo ultimamente. La cosa TRAGICA è che invece di rimettermi a dormire facendo finta di nulla, ho ripreso a pensare a delle assurdità.
Mi manca il filtro. Penso una cosa e mi metto a fare collegamenti che nemmeno Matt Groening si sogna di fare.
Ma ancora non paga di tutta questa svegliezza, prendo il cellulare e trovo un messaggio.
Non sto a spiegare, ma nel suddetto si parlava di lamette e barba. Così che stavo per rispondere con qualcosa come: Il barbiere di Siviglia ti fa un baffo a te! ^__^ Dopo una battuta così ogni altro commento diventa superfluo. (Aiutt). Ti sei salvato per un pelo (Doppioaiutt) e non so cos’altro. L’ho anche iniziato a scrivere il messaggio, poi un minimo di assennatezza ha preso il sopravvento, e ho detto cazzo son le 4.30 mi prendono per scema (ormai mi ci prendono a prescindere). Naturalmente a quel pensiero ne sono seguiti altri, tra cui ricordo vagamente uno in cui mi autoproponevo di depositare in siae queste battute e poi mi autodicevo chi vuoi che te le rubi sono pessime, mettiti il cuore in pace, le scriverai sul blog domani mattina, ma che ore sono? Ormai le cinque, cinque = giallo, giallo = sole, speriamo che domani non piova, pioggia = freddo, freddo = tonsillite, tonsillite antibiotici medico, devo andare dal medico a fare un paio di ricette, ricette cucinare devo provare a fare quella torta della nonna, torta frittelle e crostoli carnevale venezia, è da tanto che non vado a venezia. E così via. Poi finalmente arriva Morfeo che ha pietà di me.

Tutto ciò per dire: abbiate anche voi pietà di me. Non è colpa mia, mi manca il filtro.

Commenti

bob ha detto…
ma sai che stanotte anch'io non riuscivo a prendere sonno per quei maledetti collegamenti che si accendono, e stamattina mi sono svegliato alle sette e sono andato al lavoro una volta tanto puntuale, ma la cosa sconvolgente è che non mi sento stanco. forse quando non riusciamo a dormire è perchè il cervello non ne ha voglia, quindi la cosa più logica da fare è assecondarlo senza preoccuparsi troppo.
Miky ha detto…
non lo so può darsi, solo che io se non dormo quel miliardo di ore per notte sono morta. il problema è che anche quando dormo ma con il cervello così attivo, faccio un sacco di sogni e alla fine mi sveglio rimbaglionita come pochi. comunque fa piacere non essere l'unica! ciao bob!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎