Passa ai contenuti principali

Non facciamolo solo perché si dice vada fatto!

Ho appena scoperto l'esistenza di un libro che ha dello spassoso assai:

Can't Be Arsed. 101 Things Not to Do Before You Die
, di Richard Wilson.

Viene chiamata l'antiguida, si ispira al Cento cose da fare prima di morire di Dave Freeman, solamente al contrario. In una recensione del corriere della sega (della sera, scusate, della sera!) il recensore termina dicendo che sembra una guida per avere un'esistenza noiosa... ahio! ahio qua non capiamo l'umorismo??
Sì è vero che il nostro sconsiglia viaggi in luoghi considerati meravigliosi, ma quante volte è capitato davvero di rimanere delusi nelle aspettative?? A me è successo un sacco di volte, sarà cinismo, sarà che la giornata era brutta, ma obiettivamente... ogni tanto vai a vedere cose di cui davvero non te ne frega un emerito membro. Non mi è successo con il Colosseo né con tutta Roma in generale, ma per esempio Venezia... oddio sarà bella, sarà romantica, sarà che ce l'ho a un'ora da casa, che puzza costantemente di pesce, è piena di turisti e bancarelle, di prezzi esorbitanti e piccioni rompipalle...

Tant'è. Il signor Wilson non ha tutti i torti, forse il libro esaspera una sensazione che a tutti prima o poi è capitato di provare. E poi non è che non dobbiamo fare tutte le cose, è solo che se non ci interessano davvero o se non possiamo permetterci di farle ci consoliamo col fatto che non abbiamo perso granché.

Citando l'articolo del corriere (il link: www.corriere.it/cronache/08_settembre_18/101_cose_da_non_fare_tortora_f25d4e2e-84e8-11dd-be21-00144f02aabc.shtml), se effettivamente tra le cento cose consigliate da Freeman c'era fare surf nudi di notte in Australia... be' oddio faccio anche a meno, squalo! Oppure, anche se non ci sono stata, posso immaginare che il Taj Mahal sia piuttosto sporco come dice Wilson, e che il fiume Yamuna sia tra i più inquinati... be' se devo visitarlo prima di morire spero almeno di non morire di colera il giorno dopo ^__^

Molto divertente la parte sui 10 libri che si possono evitare tranquillamente di leggere! Consiglio di farvi due risatine qui: entertainment.timesonline.co.uk/tol/arts_and_entertainment/books/book_extracts/article4773601.ece?token=null&offset=0&page=1

Alcune descrizioni mi hanno stesa! Al settimo posto della classifica c'è La Recherche di Proust: sì sì, ha mangiato un biscotto e ha ricordato la sua infanzia, chi di noi non l'ha fatto? Se voglio ripensare al passato guardo le mie foto ^__^ LOL!

Oppure come non trovarci d'accordo su Guerra e pace, al terzo posto: «Way, way too long...»

E l'Iliade? C'è una grande battaglia tra Achille e Ettore, tutto qua.

E quindi... non facciamoci prendere per il culo (be arsed)! Non è tutto oro quello che luccica... o che ci fanno credere luccichi...

P.S. scusate ma non sono capace di fare i link ^__^
P.P.S. A meno che il nostro non citi anche altri libri oltre ai dieci che si trovano nell'estratto del times on line, direi che il recensore del corriere ha leggermente sbagliato uno dei titoli... confondere Pride and Prejudice con Crime and Punishment non è molto lusinghiero, né per Dostoevskij né per il giornalista in questione...

Commenti

Miky ha detto…
Oh ma potreste anche commentarlo questo post, a me sembrava interessante!!!!!
Anonimo ha detto…
ahahah questo fa davvero ride!!
però venezia e proust non si toccano

è anche vero che molte cose considerate utili sono inutili e viceversa, però una surfata di notte è una figata pazzesca,provare per credere..ma nudi mai - troppo freddo dove c'è l'onda justa ^___^

beh, sei davvero simpatica
Miky ha detto…
guarda sul fatto che venezia non si tocchi posso essere d'accordo, però non ci metterei la mano sul fuoco che proust ogni tanto non si toccasse, magari in qualche serata solitaria, quando aveva finito il suo infuso di tiglio...
sulla surfata notturna.. be' prima dovrei imparare quella diurna intanto, ma perché no?

grazie!!
Anonimo ha detto…
su prust c'hai ragione ^___^

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…