Passa ai contenuti principali

Valvola Miky 1 - 0

SONO VITTIMA DI UNA CONGIURA! Le forze dell'universo si stanno adoperando affinché io non possa fare dello sport!!!
Ieri, convintona, indosso pantaloni della tuta, scarpe da ginnastica, maglietta a maniche corte, lenti a contatto, lego i capelli, chiavi nel marsupio per non restare fuori casa visto che ero da sola e... scendo a fare una visitina alla mia bella mountain bike. Che poverina è sepolta sotto una montagna di polvere e avvolta da fantasiose ragnatele e inimmaginabili ragnetti. Mi guarda perplessa, la poverina, che da quando le ho tolto la borraccia si dev'essere data all'alcol... e infatti mi dice: "Ok, mi puoi pedalare, ma aspetta che finisco lo spritz con la citybike di mamma". Mentre lei spritzetta inizio a tastare per vedere la situazione: poverina, ferma da un paio di mesi, non è più soda come un tempo... prendo la pompa e inizio a gonfiare le ruote. Finito con quella dietro passo a quella anteriore: la bici mi guarda perplessa, anche i ragni mi guardano perplessi e anch'io perplimo un po' a notare che una bici e dei ragni mi stanno osservando... e mentre sono assorta in tali aracnidi pensieri, inizio a sentire un fischio... Un ragno? Una cimice forse? La bici stessa che non ha voglia di uscire?? NOOOO è l'aria che esce dalla valvola della camera d'aria!! La valvola s'è roooooooott, s'è inceppato il pirulo dentro, s'è incastrato, che s'è fatto non lo so. Due secondi, la ruota è completamente a terra, e anche io. Bestemmio in austroungarico, e io modestamente l'austroungarico lo so. I ragni si rifugiano sotto la sella, la pompa si allontana quatta quatta senza emettere suoni né aria, io bestemmio anche in turco anche se non lo so, la ruota mi guarda di sottecchi tutta sgonfia e con aria colpevole, "ma non è colpa mia" sta pensando; la bici ordina un altro spritz e la valvola ghigna e mi sbatte in faccia la dura realtà... io non la posso aggiustare, e di certo il giro in bici è saltato. Tento un'operazione chirurgica d'emergenza, svito, capovolgo, chiudo e riapro, ticchigno, riprovo a gonfiare... sembra a posto ma dopo due o tre pompate il pirulo malefico e forse posseduto dal demonio si incastra di nuovo in modo che tutta l'aria esca di nuovo. Ho le mani nere e forse anche l'anima (non il liquore alla liquirizia, purtroppo), e penso: va be', posso sempre andare a correre... ma ormai mi è passata la voglia.
Ma ti porterò dal dottore, bicicletta mia, e allora tornerà tutto come prima... ^__^

Se non vi siete divertiti tanto, o avete voglia di divertirvi un po' di più, capite piuttosto bene l'inglese e avete una ventina di minuti di tempo, vi consiglio di non perdervi Peanut*:

* purtroppo quel cazzone dell'utente ha rimosso i video quindi vi inchiappettate ^_^ (nota del 21 maggio 2009)

Commenti

Marco Tonus ha detto…
Il pupazzo e' spassosissimo: lo avevo visto proprio in questi giorni, per documentazione, perche' ne sto progettando uno.
Fara' parlare di se. Il massimo, per un ventriloquo.
Ma sbaglio o ti piacciono i pupazzi? Anche Walter è splendido (non veltroni, ma l'altro pupazzo di Dunham).
Miky ha detto…
Sono affascinata dai ventriloqui! Dunham oltre a essere bravo è davvero divertente! Avevo visto Achmed per primo, poi ho scoperto Peanut e José e sì, naturalmente il mitico Walter!! Anche il supereroe è forte, Melvin... La cosa bella è che dopo due minuti ti sembrano vivi! È bravissimo a fargli fare quelle espressioni!

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…