Passa ai contenuti principali

Scivolando

È sempre molto difficile quando hai in testa una cosa che vorresti realizzare ma sai che per farlo ci vuole del tempo. E io in quel tempo rischio sempre di perdermi. Perché prima ci sono le cose più urgenti, e poi ci sono gli inevitabili imprevisti della vita, o gli ostacoli, o i dubbi.
Non sono brava con i progetti, sono più una che naviga a vista, ma ce n'è uno che mi piacerebbe riuscire a portare avanti nel medio termine, mentre quello nel lungo termine continua a sembrarmi solo un sogno molto lontano e – temo – di difficile realizzazione. 
Vorrei impegnarmi di più per non perdere di vista entrambi, ché per molto ho pensato che non fosse il caso, poi sono diventata mamma con tutti gli aggiustamenti in termini di tempo da poter dedicare al di fuori della famiglia che ciò ha comportato, ma insomma, adesso che i ritmi sono di nuovo più normali, adesso che ci posso ripensare sul serio sono capitate delle contingenze che mi hanno ravvivato la voglia dell'obiettivo di medio periodo.
E quindi, oggi che sono riemersa da settimane di lavoro intenso e quasi ininterrotto, ci sto pensando di nuovo. Il che, già di per sé, mi pare una cosa positiva.
Resto sul vago per molti motivi, perché sto ancora cercando di capire se è solo tardi, se non è per me e se c'è un modo per iniziare a muovere qualche passo.


Nel frattempo il fine settimana è stato bello, nonostante alcuni nervosismi (diciamo giunti da fuori, niente scazzi col marito :)) l'abbiano un pochino guastato. Sabato abbiamo portato finalmente – FINALMENTE – la piccola sulla neve, su quella che vediamo sempre dalla finestra della nostra cucina, e lei si è divertita così tanto che poi la sera, totalmente a caso mentre facevamo tutt'altro, lei ci ha ripensato e ha detto: "Mamma, mi sono divertita tanto oggi su neve" il che mi ha dato un tuffo al cuore e mi ha fatto pensare che forse presi da tutto dovremmo dedicarle il tempo meglio, non di più, ma meglio. In fondo sono bastate un paio d'ore, massimo tre in tutto, perché fosse felice tutto il sabato e di riflesso anche la domenica, ed è questo quello che conta.

Ho finito di leggere Eleanor Oliphant sta benissimo e ho scoperto che la mia amica che vive a Paris, e alla quale l'avevo regalato a Natale, lo stava leggendo negli stessi giorni. Ci è piaciuto.
Sto andando avanti a leggere Breve storia dell'ubriachezza e mi diverto davvero molto, oltre a imparare cose curiosissime sulla storia antica (della birra e del vino e in generale).
Ho preso pure Patria di Fernando Aramburu perché mi ha incuriosita e perché non mi cimento quasi mai con la letteratura spagnola, in più questa storia è ambientata nei Paesi Baschi degli attentati terroristici dell'ETA. Insomma, mi sembra interessante. 

Forse abbiamo trovato una serie divertente che ci aiuterà a togliere la tensione provocata da Dark e Nightflyers (ammesso che continueremo a vederlo) ed è Atypical, sembra simpatico. E poi è arrivata la nona stagione di Shameless, che per ora riusciamo a vedere anche se abbiamo disdetto l'abbonamento a Premium. Insomma, l'inverno è ancora lungo.
Vorremmo tornare al cinema per Green Book ma non so. Per ora abbiamo ingaggiato la nonna per andarcene a cena fuori, il prossimo weekend. Penso che ce lo meritiamo proprio. Siamo parecchio stanchi e il tempo scivola sempre via... 

Commenti

bob ha detto…
La qualita' del tempo e' molto piu' importante della quantita', tua figlia da grande non ricordera' quanto tempo materiale avete passato insieme, ricordera' cosa avete fatto e quanto le e' piaciuto.
Val la pena notare il fatto che tu devi inseguire la neve, io invece la devo rifuggire se non voglio morire assiderato, la settimana appena passata e' stata particolarmente brutale e per un paio di giorni era sconsigliato uscire di casa, l'ho odiato.
Infine, qualunque progetto sia, non e' mai troppo tardi per realizzarlo, e poi non siamo piu' ragazzini ma siamo ancora giovani dopotutto.
Un abbraccio.
Miky ha detto…
Immagino la rottura @bob, nemmeno io sono amante delle cose drastiche, e per quanto un'imbiancata anche in pianura mi possa piacere, i disagi annessi li evito volentieri. Perciò, meglio che venga in montagna va (comunque qui da noi in pianura è sempre stata più l'eccezione che la regola, ma in montagna una volta nevicava di più...).
Per il resto, grazie per le tue parole, sono d'accordo su tutto :) Un abbraccio a te.

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

La ciliegina sulla torta

Esco da un weekend bello. Bello davvero, pur nella sua semplicità. Intanto venerdì sera io e la mia amica storica (che vive a Parigi) siamo uscite per aperitivo e cena, solo noi due come ai vecchi tempi. Se è difficile farlo in generale perché gli impegni, il lavoro, la bimba eccetera, figuriamoci con una persona che torna in Italia solo di tanto in tanto! Ma questa volta ce l'abbiamo fatta, e non poteva essere diversamente perché lei ne aveva senz'altro più bisogno di me, dato che ha appena attraversato uno di quegli scossoni della vita che la vita per come l'avevi pensata fino a poco prima te la cambiano.  E dopo un sabato in famiglia per compleanni vari, domenica gita a Venezia! L'anno scorso ci abbiamo portato una piccola Dafne che già camminava ma dormiva nel marsupio. Ma quest'anno ci siamo andati in treno, abbiamo camminato tutti e molto (Dafne non usa il passeggino da quando ha un anno e mezzo, quindi ci si arrangia così: camminare o in braccio – la schiena…

Concentrazione

Mia figlia era così felice della spolverata di neve di stamattina che in macchina non ha voluto ascoltare niente.
Cosa sentiamo? Pipìm papàm? (Mellow Mood, Sound of a war) O quello che gli prude il culo? (Brunori Sas, Lamezia Milano) O un cd nuovo? Niente. Niente? Sì, c'è neve.

E allora abbiamo viaggiato in silenzio mentre lei guardava fuori tutto un po' imbiancato (solo i tetti e i giardini), anche se man mano che ci avvicinavamo a Casarsa ce n'era sempre meno, e io avrei voluto non dover lavorare e tenermela a casa perché qui di neve ce n'è pur poca ma di più, e avrebbe potuto giocarci e ne sarebbe stata entusiasta.  Ma la riporteremo in montagna, in fondo a mezz'ora di strada siamo a Piancavallo. Ci serve solo un fine settimana senza troppi impegni, ed è quello il difficile. Allora stiamocene in silenzio, qui fiocca ancora, spero anche dalla nonna, così Dafne è felice e può ascoltare il suono della neve. Ché ha ragione lei, per godersi le cose belle ci vuole con…