Passa ai contenuti principali

Il filo

Sabato pomeriggio sono venuti qui due amici del figlio di mio marito a giocare alla PlayStation. E, con i dovuti arrangiamenti, è stato subito Stranger Things (senza però tutta la parte strana).
Mi spiego meglio.
Innanzi tutto vi dico che siamo in astinenza da Stranger Things dopo aver finito di vedere la seconda serie. Perché siamo dei fottuti nostalgici, evidentemente. Perché come fai, alla nostra età, a non riconoscere il te stesso ragazzino in quei dodicenni che si ritrovano a casa di uno a giocare a giochi di ruolo, che girano per il paese in bicicletta, che sono un gruppo con delle regole, che si vogliono bene, scazzano, si riappacificano e tutto il resto. Poi ci sono le cose strane, alla Stephen King, che chi come me a dodici anni si immergeva nei suoi romanzi e racconti come un pesce in mare... va be', che ve lo dico a fare.
E così sabato pomeriggio mi sono sentita nostalgica, anni Ottanta, e vecchia. Ma molto felice della felicità altrui. Perché ho visto felicità in quel paio d'ore passato a giocare a Minecraft, perché avevamo comprato loro il gelato per fare merenda e perché la felicità era in questo: non nell'avere la consolle figa, il gioco figo, o gli amici fighi, ma la condivisione di qualcosa che di solito è solo tuo, la condivisione del tempo, il senso d'appartenenza.
Mi ha ricordato l'estate dopo la fine delle elementari, quando io e una mia amica passavamo quasi ogni giorno una a casa dell'altra e viceversa, o a qualche anno dopo, quando altre amiche passavano da me, o io da loro, e poi prendevamo le bici e andavamo in giro... E avevamo i nostri posti, i nostri rifugi... e poi c'erano gli scazzi, rappacificarsi e tutto il resto. E le lacrime, le risate, le lettere consegnate a mano solo per dire cazzate e ridere piegate in due. Gli scherzi dalle cabine telefoniche, restare a casa dell'amica che non aveva il permesso di uscire e creare un mondo dentro una stanza. Ascoltare gli sfoghi di chi aveva genitori assenti o che causavano veri e propri problemi, a volte ascoltare problemi più grandi di te: perché noi avevamo altri mostri, ma avremmo potuto comunque chiamarli Demogorgone.

E mi ha ricordato che «non ho mai più avuto amici come quelli che avevo a dodici anni», e mi sono resa conto d'improvviso della delicatezza di quel periodo, ma anche della felicità che può dare. E credo siano momenti che ogni genitore (per quanto non sia io il genitore qui, ma comunque sono un adulto che una piccola presenza ce l'ha) dovrebbe ricordare e sui quali soffermarsi per essere più vicino e capire meglio. 
Anche solo per capire meglio.
Questa è l'età in cui inizi a essere grande ma sei ancora bambino, è quel tipico periodo dello "scatto" quando cerchi la sicurezza per affacciarti meglio all'autonomia. E credo che molti genitori si pongano su due estremi: autonomia (sei grande, fai da solo), e regole strette (non sei ancora abbastanza grande, non puoi fare da solo). Ve lo ricordate quel periodo? Quando vi pareva di essere abbastanza grandi solo quando faceva comodo e ancora troppo piccoli quando non faceva comodo? Direi che molta tensione preadolescenziale e adolescenziale parte proprio da lì. 
Il fatto è che è molto faticoso porsi all'interno delle sfumature, ma dovremmo fare più leva su quelle. O forse no, forse è giusto e inevitabile attraversare quel momento, quella tensione, ma penso che se noi grandi ci sforziamo di ricordare un po' meglio com'era, come ci sentivamo, se riusciamo a ritrovare l'empatia, anche solo a dire "Guarda che mi ricordo, in fondo ti capisco, e comunque poi passerà" probabilmente ai "nostri" ragazzi basterebbe per sentirsi un po' meno abbandonati e un po' più capiti. Ha molto a che fare con dimenticarci un po' dei nostri problemi da adulti e dare dignità alle loro difficoltà. 
Spero di ricordarmene fra una decina d'anni.

E comunque, anche per noi, a un certo punto passerà. Vero?


Commenti

MikiMoz ha detto…
Bellissimo post, davvero.
Anche io, quando vedo passare la banda di dodicenni in bici... penso a queste cose.
In fondo, trent'anni fa non era diverso da oggi... lo stare insieme, le dinamiche, sono quelle^^

Moz-
Riccardo Giannini ha detto…
Fottuti nostalgici l'ho presa da te o tu l'hai presa da me? :P O e' un caso?

Comunque sono stato fortunato: ho perso gli amici di quel periodo lì, ma ne ho acquistati altri di grande valore :)
Miky ha detto…
Grazie @Miki infatti, anche se molte cose sono cambiate, credo che la sostanza sia la stessa :)

@Riccardo senz'altro un caso! Tu non puoi averla presa da me perché non è un'espressione solita per me. In prime bozze, avevo scritto "maledetti" ma non mi convinceva, ci ho pensato su e ho cambiato. Ma non avevo in mente questa espressione da prima (e altrimenti ti avrei citato) :D Credo sia l'influenza di Shameless, piuttosto, dato che ieri abbiamo iniziato a vedere l'ottava stagione.

Ma infatti penso che gli amici "di dopo" possano avere un grandissimo valore, sono solo una cosa diversa, com'è normale e giusto che sia...
Pietro Sabatelli ha detto…
Se cerchi un nostalgico l'hai trovato, ah quanto vorrei tornare indietro...ma non si può e dobbiamo accontentarci di Stranger Things, e sinceramente non mi sembra poco ;)
Riccardo Giannini ha detto…
Ripasso qua per farti un salutino..e tanti auguri di Buona Pasqua, a te e famiglia!

Post popolari in questo blog

Puzzle

So che mi riprenderò, ma mi sembra che quest'anno sia cominciato in salita. Non riesco a togliermi questa immagine dalla testa. E non c'è un motivo particolare, una causa negativa scatenante che abbia reso le cose difficili, o tristi, ma semplicemente una concatenazione di eventi normali, una quotidianità a cui non riesco ancora a dare una forma, che non riesco a plasmare a mia immagine e somiglianza. È un problema, perché nel frattempo i giorni si susseguono e in un modo o nell'altro li devi portare in fondo, ma mi sembra che se ogni giorno lo porto in fondo con fatica, quello successivo inizierà con ancora più fatica. È un circolo vizioso, lo so, e so anche che probabilmente basta girare una chiave nel punto giusto e comincerà pian piano a ritrovare tutto il suo giusto posto. È che quella chiave mi sembrava di averla trovata, ma forse, per come arrivo sfinita alla fine della giornata, non era la chiave giusta. Comunque la sensazione predominante è che ci sia qualcosa ch…

La ciliegina sulla torta

Esco da un weekend bello. Bello davvero, pur nella sua semplicità. Intanto venerdì sera io e la mia amica storica (che vive a Parigi) siamo uscite per aperitivo e cena, solo noi due come ai vecchi tempi. Se è difficile farlo in generale perché gli impegni, il lavoro, la bimba eccetera, figuriamoci con una persona che torna in Italia solo di tanto in tanto! Ma questa volta ce l'abbiamo fatta, e non poteva essere diversamente perché lei ne aveva senz'altro più bisogno di me, dato che ha appena attraversato uno di quegli scossoni della vita che la vita per come l'avevi pensata fino a poco prima te la cambiano.  E dopo un sabato in famiglia per compleanni vari, domenica gita a Venezia! L'anno scorso ci abbiamo portato una piccola Dafne che già camminava ma dormiva nel marsupio. Ma quest'anno ci siamo andati in treno, abbiamo camminato tutti e molto (Dafne non usa il passeggino da quando ha un anno e mezzo, quindi ci si arrangia così: camminare o in braccio – la schiena…

Sembrava il finimondo, e invece

Sono stanca di stanchezza buona. Quella che viene dalle giornate piene, complete (e la giornata non è ancora finita: non vedo l'ora arrivi Dafne a casa per giocare e stare con lei). Giornate in cui ho fuso due aspetti del momento lavorativo che sto vivendo: al mattino mi sono dedicata al lavoro più "nuovo", più difficile e che mi crea più aspettative (e ansie) e che è anche quello che mi dà l'idea che se fatto bene mi porterà a crescere. Anzi, mi sta già facendo crescere dal punto di vista professionale, E poi quello più solito, che comunque richiede impegno, dedizione e tempo. Oggi non ho dovuto portare e non dovrò andare a prendere mia figlia, per una volta ci pensano gli altri, e avevo bisogno di questa pausa dai trasferimenti vari per concentrarmi meglio. Ho preparato una fattura e l'importo mi ha stupita: ho lavorato davvero tanto in questa prima metà di anno! E probabilmente a volte ne sono stata un po' sopraffatta, dato che ho passato i miei periodi n…