Passa ai contenuti principali

Una vita piena

Eccomi qui, sono pronta finalmente per il primo post dell'anno!
Ho aspettato perché ieri avevo una visita importante e quindi volevo aggiornare tutti sapendo già qualcosa di più...

Ma procediamo con ordine.
La fine del 2015, come sapete, è stata bella e piena di sorprese felici. Abbiamo trascorso delle vacanze piuttosto tranquille, fra cene e pranzi con i parenti, serate con gli amici più cari, soprattutto parlo di quelli che vediamo meno, quelli che vivono all'estero o comunque lontani, quelli che incontrare dopo parecchie settimane è sempre un gran piacere. E quest'anno li abbiamo pure riuniti a Capodanno, due di questi amici, uno di Ale, l'altra mia, così è stato anche più bello.

Regali: i regali sono stati belli, anche se quello di mio marito, un cellulare nuovo, mi ha fatto penare per la ricerca di una nano-sim vodafone, visto che erano esaurite in tutti i negozi, e hanno fatto esaurire anche me! Poi sono arrivate le prime cose per il bebè: cuffietta e calzetti, uno zainetto – provvidenziale – per le passeggiate con il canetto o magari, perché no, in montagna. E il primo peluche, un draghetto dal muso molto simpatico. 

Cinema: non era possibile finire l'anno senza aver visto l'episodio 7 di Star Wars, e infatti l'abbiamo fatto. Ci avevano detto male, ci avevano detto bene, noi siamo usciti dalla sala soddisfatti. Ormai siamo in attesa dell'8, a questo punto...
A casa abbiamo rivisto Inception, Il cavaliere oscuro e Il ritorno del cavaliere oscuro, tutti con il bimbo... ehm, ieri sera davano Interstellar e io e mio marito abbiamo visto pure quello. Niente, Christopher Nolan è un gran regista. E siamo andati a vedere l'ultimo di Spielberg, Il ponte delle spie, e anche qui siamo stati contenti. Fra l'altro era da un pezzo che non andavamo al cinema soli io e il maritino, peccato fra l'altro, visto che ci piace moltissimo. 
Adesso, se ce la facciamo, dovremmo portare il bimbo a vedere Il piccolo principe. Poi prossimamente c'è molto altro da vedere, perciò speriamo di trovare il tempo per frequentare le sale un po' di più!

Libri: sapete bene che con il lavoro che faccio leggo molti libri e non sempre di scelta mia, ma devo dire che ultimamente mi capitano sempre belle cose, che siano per ragazzi o per adulti, quindi ho letto molte anteprime interessanti. E mi sono dovuta rispolverare qualche classico – La guerra dei bottoni, Anna dai capelli rossi, Il piccolo lord – ed è stato molto piacevole. Per il nuovo progetto, invece, sto leggendo cose incentrate sulla mia regione e anche un po' di cose storiche, quindi mi sono fatta una capatina in biblioteca e sto portando avanti in parallelo diversi testi... mi sembra di essere tornata all'università ed è molto bello. La lettura top, però, è stata Mr Vertigo, che conferma Paul Auster come mio autore preferito degli ultimi tempi. 

Ecografia: veniamo al dunque. Ieri ho fatto l'ecografia più importante, e sembra essere tutto in ordine. Ogni volta è un sospiro di sollievo: vivo la gravidanza con molta serenità, ma a ogni visita spero sempre di non dover sentire qualcosa di preoccupante – immagino sia molto normale. 
Ed è una femmina, questo è finalmente confermato al 99,9%. Così sappiamo di non doverci scervellare per scegliere un nome, visto che per la marmocchia eravamo già ben orientati.

La routine è più o meno ricominciata, anche se quella lavorativa non si è interrotta quasi mai del tutto, però ho distribuito sempre bene gli impegni in modo che non mi pesassero troppo. Stamattina analisi del sangue, e per la prima volta sono arrivata e non c'era quasi nessuno, ho fatto così in fretta che mi sono pure concessa una colazione al bar dell'ospedale con krapfen (che bramavo da settimane, ma non se ne trovavano mai nei bar) e cappuccino... da domani torno a fare attenzione a quel che mangio, lo giuro, pena cazziatoni perché metto su troppi chili! Sono rientrata a casa che erano appena le 8 e un quarto, ho lavorato un'oretta e poi ho portato fuori il cane. Ho inviato la prima fattura del 2016 – qui c'è da acquistare un "kit cicogna" signori, che entrino i liquidi! – e adesso mi aspetta una giornata di correzione di bozze abbastanza intensa, ma come sempre altrettanto piacevole.  E poi, per fortuna, è già venerdì...

Mentre passeggiavo ho pensato moltissime altre cose da scrivere, ma mi rendo conto che non ha senso condensarle tutte in un solo post, quindi me le appunterò e le tengo in caldo per i prossimi: per ora mi limito ad augurare a tutti un buon inizio, che poi tanto è già weekend :D 

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…