Passa ai contenuti principali

Servirebbe?

Volevo scrivere prima, è vero, ma fatico a trovare il tempo e forse anche le parole, che non sempre vengono nei momenti in cui vorrei.
Per esempio, ieri sera mentre ero sotto la doccia ho preparato un post nella mia mente tutto bello confezionato, ma credete che oggi mi ricordi anche una sola parola di quelle che mi sono passate per la testa? Davvero, no. 
Mi ricordo quelle che mi passavano per la testa ieri mattina, quelle sì, però non le scrivo ora e qui perché sarebbero un argomento un po' triste e, francamente, non ne ho voglia proprio per nulla. Ma quelle sono ben fissate e sono certa che non sfuggiranno (e per sicurezza le metterò in bozza da qualche parte...)

Ieri ho messo finalmente un po' di soldi nella carta di debito che ho collegata al Kindle, questo significa che posso comprare di nuovo e-book (l'altra carta era scaduta, ci abbiamo messo un po' prima di deciderci a rinnovarla, poi dovevo passare in posta per caricarla e io e la posta abbiamo un rapporto PESSIMO). Oggi ho «sfogliato» (su internet dovrei dire scorso, ma sfogliato suona meglio) il catalogo e-book di minimumfax e per fortuna sono riuscita a trattenermi perché comprerei TUTTO!

Devo cercare di darmi un limite, non più di un libro alla volta (ogni quante volte non lo so ancora). Poi mi sfogo con i classici o quel che si trova di gratuito (che poi leggo chissà quando, visto che il tempo scarseggia sempre).

E sì, il tempo scarseggia perché ho tante tante cose da fare – eppure riesco sempre a perderne lo stesso, di tempo, anche se da fuori non sembra. Io dico che è perché ho bisogno di pause mentali e impigrirmi fa anche bene... sono brava a raccontarmele – per questo insomma non aggiorno da un po' e continuo a rimandare anche svariate altre cose di minore importanza. Mi sembra di non essere mai in pari con quel che c'è da fare, proprio come quando ero al liceo, o anche all'università, e c'era sempre qualcosa che fino all'ultimo mancava da studiare o da ripassare. Forse sono sempre stata un po' troppo esigente con me stessa.

Nonostante questo sono riuscita l'altro giorno ad andare a pranzo dai miei nonni, cosa che non facevo da un pezzo: mamma mia quanto mi era mancata la cucina di mia nonna! In tutti i sensi: sia nel senso del cibo sia nel senso della stanza calda con divanetto, stufa e pavimento in graniglia. Ogni volta ogni sapore, odore, suono, tutto quanto fa vibrare delle corde che non vibrano quasi mai, quelle della mia infanzia, di quand'ero piccola e passavo lì qualche settimana estiva, o le domeniche invernali a pranzo da loro. 
Ora tutto è diverso, il nonno e invecchiato (nonostante penso continui a dimostrare meno anni della sua età), mentre la nonna mi sembra sempre uguale: in realtà anche lei è invecchiata, ovviamente, e gli acciacchi che già aveva da abbastanza giovane sono naturalmente peggiorati, ma nello spirito non è invecchiata quasi per nulla, riesce ad avere una sorta di vivacità che me la fa sembrare uguale a sempre. Se fisicamente sono contenta di aver preso dall'altro ramo della famiglia, devo dire che «spiritualmente» spero di essere più simile a quello paterno, meno spigoloso (spigolosità tipicamente friulana) più morbido, più incline a «ridere (anche) nel pianto». 

Adesso dovrò passare qualche giorno senza Ale, cosa che mi inquieta – mentre di solito ne approfitto per rilassarmi un po' su più fronti – ovviamente mi inquieta solo perché sono incinta e ho alzato l'asticella. Tutto sommato, però, penso che andrà bene comunque. Anche perché preoccuparsi, servirebbe? 

Commenti

Mareva ha detto…
Perdere tempo è sano. Aiuta a ricaricarsi, aiuta a rimanere presenti e vivi, secondo me.

E sì, andrà bene. Andrà bene davvero <3

Post popolari in questo blog

Oggi è proprio autunno

Stamattina io e la piccola abbiamo girato la pagina del calendario. È arrivato ottobre, la mia settimana di compleanno è ufficialmente finita e tornerò nel mio angolino buio, basta luci della ribalta (ahahah, scherzo, sto esagerando ovviamente, nessun angolino buio e nessuna luce della ribalta, fra l'altro).
Ricapitoliamo: 26 settembre auguri in ogni dove: Facebook, ovviamente, al telefono da parenti e amici vari, più qualche altro messaggio gradito e a suo modo importante. Ma soprattutto il "Tanti auguri a te" cantatomi da amore & amorina figlia, la quale una volta finita la canzone ha subito detto: MAMMA, TORTA! (Ehm, amore, la mamma deve ancora prepararla). Regalo: borsa-zainetto IfBags gialla grigia e con disegnati piccoli cactus (era uno di quei regali su richiesta, lo ammetto). Sera: salto la palestra per festeggiare con la torta (che nel frattempo ho preparato) e una bottiglia di Bollinger. 27 settembre: sono arrivati gli occhiali, e mi stanno benissimo. Io f…

Disordine

ERRATA
Non sai mai dove sei.
CORRIGE
Non sei mai dove sai.
(Giorgio Caproni)
Questa poesia – una delle mie preferite quando avevo quindici anni – mi è venuta in mente in questi giorni di piccole confusioni emotive, caos lavorativi, stanchezza da notti un po' insonni, pensieri sullo scorrere del tempo. Quando impari una cosa arriva una nuova lezione che ancora non conoscevi. Indugiare sempre e solo su quello che già sappiamo non può arricchirci, a volte dobbiamo andare a esplorare confini e a volte capiamo che è meglio lasciarli stare. Piccoli giochi di equilibri.
A volte dobbiamo esporci un po' di più per capirci un po' meglio, e anche accettare quello che siamo senza volerci troppo male. Che poi l'importante è sempre solo una cosa: rispettare se stessi e rispettare gli altri. Ovunque, sempre, comunque e in ogni ambito. Ci sono momenti in cui mi sembra che mi sto sforzando tantissimo, in tutto. Altre mi pare che non lo faccio abbastanza. Altre ancora che dovrei solo r…

Concentrazione

Mia figlia era così felice della spolverata di neve di stamattina che in macchina non ha voluto ascoltare niente.
Cosa sentiamo? Pipìm papàm? (Mellow Mood, Sound of a war) O quello che gli prude il culo? (Brunori Sas, Lamezia Milano) O un cd nuovo? Niente. Niente? Sì, c'è neve.

E allora abbiamo viaggiato in silenzio mentre lei guardava fuori tutto un po' imbiancato (solo i tetti e i giardini), anche se man mano che ci avvicinavamo a Casarsa ce n'era sempre meno, e io avrei voluto non dover lavorare e tenermela a casa perché qui di neve ce n'è pur poca ma di più, e avrebbe potuto giocarci e ne sarebbe stata entusiasta.  Ma la riporteremo in montagna, in fondo a mezz'ora di strada siamo a Piancavallo. Ci serve solo un fine settimana senza troppi impegni, ed è quello il difficile. Allora stiamocene in silenzio, qui fiocca ancora, spero anche dalla nonna, così Dafne è felice e può ascoltare il suono della neve. Ché ha ragione lei, per godersi le cose belle ci vuole con…