Passa ai contenuti principali

Cambiamenti (più o meno importanti)

Quest'anno ho cambiato palestra. Che è una grandissima cazzata, nel senso, chi se ne frega, capirai che cambiamento... Però devo ammettere che è meno cazzata di quanto possa sembrare.
Prima di venire a vivere qui non avevo mai frequentato una palestra o posti simili, la mia sportività nel tempo si era ridotta quasi a zero, aggiungiamoci che odio le piscine e quindi nemmeno a nuotare o a fare aquagym, proprio nulla!
Poi sono venuta ad abitare qui, ed era il 2011, un anno che è stato strano più di quanto potessi mai immaginare: è stato l'anno in cui ho lavorato dal notaio odiando in tutto e per tutto quello che facevo, ma anche l'anno in cui è uscito il primo libro tradotto da me, e poi è stato l'anno in cui è morto mio papà, mettendo fine a dodici mesi strani e sofferenti nei quali tutta la mia famiglia sembrava andare avanti galleggiando. Ma è stato anche l'anno in cui per fortuna il contratto dal notaio è scaduto, in concomitanza con l'arrivo di un altro libro da tradurre e con il trasloco e l'inizio della mia convivenza con Ale. Insomma, il 2011 è stato a tutti gli effetti un anno di cambiamenti, anzi, direi di stravolgimenti.
A parte la parentesi notaio, e l'anno di tirocinio, per il resto ho lavorato per gran parte del mio tempo da casa, collaborando da esterna mentre poi continuavo anche a studiare. È una condizione che mi piace, e finché ero a casa di mia mamma, nel paese in cui sono cresciuta eccetera stavo più che bene. Quando però mi sono trasferita qui ero un pesce fuor d'acqua. Le amiche sono tutte lontane, e lo erano anche prima, ma ora anche la famiglia è tutta lontana, non di molto, ma se primo dovevo solo scendere una rampa di scale o fare 10 minuti di strada ora mi ci vuole mezz'ora. Sono cambiati tempi, ritmi, tutto. E poi Ale lavora fuori tutto il giorno, e io sono tutto il giorno qui. Lavoro anch'io e di certo il tempo non mi pesa, sono impegnatissima, ma avevo abbastanza paura di ritrovarmi in difficoltà. Che non è bene quando già devi comunque affrontare un cambiamento di vita come la convivenza.
Così ho detto, da qualche parte devo pur cominciare a creare una nuova me, con nuove abitudini, e ho iniziato a cercare quali corsi in palestra potevano fare al caso mio. Ho trovato qualcosa di poco costoso che andasse incontro alle mie esigenze ed è stato uno svago che mi è stato molto utile: ho legato con alcune persone che altrimenti non avrei mai conosciuto, e mi trovavo molto bene.
Dopo tre anni alcune cose sono cambiate: a parte i prezzi più alti per il servizio offerto, ma soprattutto le uniche persone con le quali mi sono intrattenuta sul serio prima di ogni lezione negli ultimi tre anni hanno deciso di cambiare palestra. Così ho cambiato anch'io, ma non ho seguito loro. Ho deciso di cogliere i cambiamenti come opportunità per fare cose nuove, e sono andata da un'altra parte, dove non conosco nessuno e dove è tutto nuovo. Di là mi ero trovata bene subito con le persone che avevo conosciuto, di qua ancora non so dirlo, e anche se il clima è diverso e non ho ancora legato con nessuno, non importa. Sto scoprendo quanto mi piaccia cambiare le piccole cose che diamo per scontate, solo per il gusto di vedere com'è fare le cose da un'altra prospettiva.
E poi finalmente quest'anno seguirò un corso di grafica che sono anni che sto cercando: a novembre ne parte uno, sarà una vera smazzolata perché dovrò andare fino a Udine ogni mercoledì sera per fare tre ore di lezione, ma non importa. Ci ho pensato bene prima di decidere, perché rispetto a una volta ora ho davvero un sacco di impegni, ma anche questa era un'occasione da cogliere, oltre al fatto che mi torna utile per lavoro e potrebbe tornarmi utile anche in futuro.
Quindi, ho idea che arriverà dicembre prima che me ne accorga. Dovrebbe essere un bene, no?

Commenti

MikiMoz ha detto…
E poi quindi puoi goderti il Natale :)
Il corso di grafica, visto che ti piace, fai bene a farlo: è il momento giusto se hai tempo, quindi vai così!

Moz-
MyP ha detto…
Guarda, con me cadi in piedi perché io stessa cerco sempre di prendere i cambiamenti sempre in positivo. Anche quando magari non lo sono così tanto ma che comunque ti portano a metterti in discussione che -vuoi mettere?- ha i suoi vantaggi eccome!!!
Quindi fai un bel respiro e vai.
Io l'ho fatto ed è una figata perché ti senti viva! :-)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…