Passa ai contenuti principali

Aggiornamenti & deliri

Dunque, il compleanno è andato benissimo anche se, udite udite, venerdì mattina mi sono svegliata con un po' di tosse. Che poi da domenica si è trasformata in un raffreddore colossale e ancora oggi sono qui fra fazzoletti e colpetti di bronchi. Ma sto meglio.
Venerdì sono andata da mamma a pranzo (mi aveva fatto lo strudel, mitica mami) e venerdì sera abbiamo nell'ordine: bevuto un veloce aperitivo, mangiato sushi al sushi wok di quelli col nastro trasportatore (al bimbo il sushi ha fatto schifo "Ma non si può cucinare?" ha chiesto, ma il nastro trasportatore e le chele di granchio fritte gli sono piaciuti), poi Star Wars! Ci è piaciuto moltissimo, non vediamo l'ora di vedere gli altri episodi e io sono stata molto entusiasta della mia serata di compleanno. (Da venerdì sera ho un debole per Harrison Ford, che prima d'ora non mi era mai piaciuto granché, e naturalmente anche per Chewbacca.)

Sabato sera ho offerto l'aperitivo agli amici che mi hanno regalato un mazzo di fiori davvero enorme (che poi io ho dimenticato al bar, stordita! ma l'ho recuperato e ora fa bella mostra di sé sul tavolo della cucina) e nonostante i miei prodromi d'influenza siamo andati a Treviso dove c'era il Comic Book Festival... o meglio, pensavamo ci fosse qualcosa anche la sera, in realtà gli eventi erano tutti durante la giornata, per la sera il nostro obiettivo alla fine era andare a una festa sul barcone. La cui passerella è crollata proprio sabato! 20 persone sono finite in acqua, e noi non eravamo lì ad assistere all'evento perché... eravamo ancora tutti a mangiare. Sì, gli orari il sabato si dilatano troppo a causa dell'aperitivo sempre troppo lungo, ma anche perché a Treviso c'era una fottìo di gente e non riuscivamo a trovare un posto dove cenare. Ma alla fine ci siamo divertiti un sacco, noi abbiamo portato a casa un ragazzo francese che è qui per studiare usi e costumi e che ci è sembrato molto simpatico, anche se in macchina ha praticamente solo dormito (erano quasi le 3 di notte ormai...). Tutto molto positivo, soprattutto, serata diversa dal solito (se fossimo stati su quella passerella crollata, però, sarebbe stata davvero diversa!).

Poi basta, ora sono rinchiusa qui da tre giorni (a parte le passeggiate con canetto) a lavorare e starnutire e cercare di curarmi. Ah, ormai ragazzi lunedì = Hitchcock, l'altra sera c'era La donna che visse due volte, un po' ci ho dormito sopra ma non per colpa del film ma perché stavo malissimissimo, però James Stewart ti inchioda con quegli occhi. Ormai sto invecchiando, mi appassiono alle vecchie cariatidi dei vecchi film. E ragazzi, Kim Novak, che roba! (Però uno si consola, se cerchi una sua foto di com'è ora somiglia al Joker dopo tutti i lifting che s'è fatta). 

A proposito di Joker, domenica sera facevano Il cavaliere oscuro uno dei vari Batman da me più visto (perché lo becco casualmente, in genere). Heath Ledger, ma Heath Ledger perché si è suicidato, era così bravo... caro lui.

A proposito, invece, di cose un po' horror o thriller: avete presente quei libri dove puoi far mettere la foto della faccia di tuo/a figlio/a sulle illustrazioni, così che tuo figlio/a sia protagonista della storia del libro? Non la trovate una roba inquietante, oltre che brutta, oltre che rovina le illustrazioni, oltre che un bambino si dovrebbe immedesimare nella storia usando la propria fantasia, non perché c'è uno uguale a lui nel libro? Sono bruttissimissimi!!!

Commenti

bob ha detto…
che cos'e' sta storia dei libri con il figlio in copertina? non ne sono al corrente.
e come mai non ti piaceva Harrison Ford, la saga di Indiana Jones e' uno dei lavori migliori di Spielberg. mio padre mi porto' al cinema a vedere L'Ultima Crociata quando ero bambino, solo io e lui, evento piu' unico che raro.
Miky ha detto…
e chi lo sa, probabilmente a casa mia Indy non piaceva e non mi era capitato di vederlo, poi quando ero un po' più grande dicevo che aveva la faccia che mi faceva addormentare (perché era già vecchio, forse?). sai, quelle cose che nascono un po' così.

i libri sono tipo questi: http://zigzagmom.com/libri-personalizzati/

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…