Passa ai contenuti principali

Crepe

Una cosa divertente che non farò mai più è il reportage di David Foster Wallace da una nave durante una crociera extralusso ai Caraibi. Argomenti: divertimento di massa, lusso. Stile: umoristico e satirico. Il posto giusto nel quale immergermi in questo momento quando ho voglia di leggere. Ecco una delle sue parti migliori:

«Ma la mia parte infantile è insaziabile – e anzi, la sua essenza, il suo Dasein o quant'altro, sta proprio nella sua insaziabilità a priori. [...] la mia insaziabile parte infantile non farà che accrescere la soglia di soddisfazione fino a conseguire di nuovo la sua omeostasi di grave insoddisfazione. [...] Infatti il mercoledì sono perfettamente consapevole del fatto che la ventola dell'aria condizionata nella mia cabina fischia (e anche forte), e che sebbene io riesca a spegnere il reggae di sottofondo dell'altoparlante in cabina, non posso certo spegnere la voce dell'altoparlante del corridoio 10, che è anche più forte. Ora faccio caso al fatto che quando l'aiuto cameriere che incombe sul tavolo 64 usa la spazzolina per togliere le briciole dalla tovaglia tra una pietanza e l'altra, non riesce a togliere mai veramente tutte le briciole. Ora il rumore notturno del cassetto fuori binario del Fantarmadio mi sembra quello di un martello pneumatico. Sirena degli oceani o no, quando Petra rifà il letto non tutti gli angoli da letto d'ospedale sono esattamente uguali in ampiezza. La mia scrivania/toletta ha una crepa sottile ma misteriosamente simile alla fessura fra due labbra nell'angolo superiore destro del ripiano, e sono arrivato a odiarla, questa crepa, perché non riesco a fare a meno di guardarla non appena apro gli occhi la mattina [...].»

Quella crepa, proprio quella crepa mi è entrata in testa e non me la tolgo più come metafora di qualcosa di storto che continui a guardare in faccia la mattina, e più la guardi più ti dà fastidio e ti sembra enorme. Ogni tanto capita di avere una di queste crepe nella vita, una crepa che pian piano diventa una voragine, una faglia. Di solito è un problema, di qualsiasi tipo. Più la guardi più cresce e, quando va davvero male, rischia pure di inghiottirti.
Quando sono andata in Austria e mi sono ritrovata senza un posto dove dormire causa un disguido del tipo che gestiva gli alloggi degli studenti, la ragazza che mi è venuta in aiuto, Lucia, mi ha detto una cosa che mi è rimasta impressa: quando hai un problema, più lo guardi e ci rimugini più il problema diventa un grande problema. Se invece non ti limiti a guardarlo e cerchi di fare il possibile per risolverlo, allora il problema torna alle sue normali dimensioni. (Tutto questo, però, l'ha detto in tedesco.) Forse perché ero bendisposta, giovane e piena di risorse, più di quante credessi di avere, il messaggio è arrivato dritto là dove doveva arrivare. Vorrei essere altrettanto brava a far passare quel messaggio ora a chi mi è accanto, ma forse non sono così brava a esprimerlo come quella violinista viennese?

Commenti

bob ha detto…
Non c'e' crepa che tenga quando hai dello stucco a portata di mano. Magari devi dare piu' di una passata, ma prima o poi la crepa la riempi. Non devi far altro che trovare dello stucco e darglielo.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…