Passa ai contenuti principali

Ultimamente sono molto produttiva

Come già vi raccontavo tempo fa, io procrastino e mi disorganizzo a ogni piè sospinto. Solo che, a quanto pare, non posso davvero più permettermelo. Perciò sto cercando di imparare come ottimizzare le giornate e organizzarmi per tempo in tutte le cose.
Alcune attività me lo permettono: gli articoli che scrivo per un sito hanno una scadenza settimanale precisa, d'ora in avanti, perciò devo scegliere due titoli a settimana e svilupparli per la settimana successiva.
Una volta alla settimana ho le ripetizioni di inglese: sembra una cavolata, ma nel caso la bimba non abbia compiti da fare e a scuola non abbiano fatto granché, devo essere pronta con qualcosa di interessante, giusto per il suo livello e utile. Quindi, non avendo più libri d'inglese delle elementari, cerco risorse su internet e mi invento qualche attività attinente.
Per quanto riguarda la correzione di bozze, invece, in genere non si tratta tanto di organizzazione ma di sfruttare tutto il tempo a disposizione: in fondo è il lavoro principale, si parla spesso di 3-400 pagine da correggere in 3-4 giorni, quindi è anche quello più copioso, perciò devo per forza dargli la precedenza... In più, raramente ho anticipazioni a riguardo; di solito funziona così: questo pomeriggio ti mando la bozza, la scadenza è (sempre troppo vicina), e poi devo contare la giornata in studio per inserire le correzioni. L'imprevedibilità qui mi frega: se un pomeriggio penso di dedicarlo a fare una certa cosa, non è detto che poi sia così, se arriva una bozza urgente e inaspettata. Per questo organizzarsi diventa molto dura e sto imparando a sfruttare subito il tempo "libero" quando mi capita di averne.
Tutto questo naturalmente succede perché vengo pagata abbastanza di schifo, e quindi devo aggiungere cose per arrotondare e per sperimentare altro, che possa magari sfociare in qualcosa di remunerativo e appagante nel futuro, visto che, purtroppo, non si sa mai quando le cose possono peggiorare (ancora).
Poi, naturalmente, siamo donne e quindi bisogna incastrarci: pulire la casa, lavatrici, stirare, spesa (sperando sempre che però il moroso possa fermarsi al supermercato), portare il cane fuori... meno male che non ho figli, per ora!
E dimenticavo, di tanto in tanto correggo qualche racconto per un signore che li pubblica in un giornalino del suo paese. Niente di impegnativo, ma a volte devo per forza mettermi a farlo la sera e a ridosso della scadenza prevista.
Ecco, chi pensa che lavorare da casa sia facile, se lo scordi (o meglio, dipende: da quante cose hai da fare, se le consegne hanno un preavviso minimo decente, eccetera)... almeno quando sono fuori, in studio, non posso fare altro che dedicarmi al lavoro, non ho scelta. Invece quando sono qui, ci sono anche tutte le altre cose, e trovo difficile mettermi il paraocchi e non vedere che il cane mi ha schifato il pavimento con le zampe, i vetri fanno schifo, le lenzuola sono da cambiare... in più, sto facendo di tutto per non relegare le mansioni solo al fine settimana, perché non voglio un fine settimana dedicato solo alla casa e simili, visto che già capita spesso di dover pure lavorare di sabato e domenica.
E poi, ho spesso voglia di scrivere e non riesco a non dedicare almeno cinque minuti anche a questo... be', ma quella è una scelta tutta mia :)
A proposito, ora vi lascio, perché devo stampare e rimettermi a correggere...

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…