Passa ai contenuti principali

Blogs

Oggi doveva essere una giornata di riposo, e in effetti lo è stata, ho pranzato da mami, abbiamo anche fatto una bella passeggiata con il cane visto il bel tempo (strano ma vero!) del pomeriggio con il sole caldo, visto che non sembrava certo il 6 novembre. 
Sapete che sto scrivendo su Evernote, perché pensavo fosse meglio redigere una brutta copia del post prima di quello in bella, come i temi a scuola. Io non facevo mai la brutta, almeno non negli ultimi anni di liceo. Scrivevo direttamente in bella, lo sapevate? Be', adesso lo sapete. Scrivevo in bella così per due ore, tre (quanto tempo si aveva? Non mi ricordo mica!) scrivevo solo il tema e potevo sviscerarlo meglio, senza dover perdere tempo a ricopiare. Ora come ora mi chiedo come facessi. Adesso sono abituata al computer, se sbaglio rileggo e poi cancello, e quindi riscrivo quando voglio, ma a scuola no, scrivevo a penna (ovvio) e quindi… ero coraggiosa, probabilmente. O consapevole. Tant’è.

Comunque, dicevo, Evernote: è un programmino interessante che sto provando a utilizzare e del quale parlerò in un altro post, dopo che lo avrò sperimentato per un po' (l'ho installato solo oggi anche sul telefono, quindi vi farò sapere). Diciamo che è un modo per avere appunti, schizzi, post-it tutti insieme, così da raccogliere idee e spunti o tenere in memoria cose interessanti viste in giro o su internet. Mi sembra una di quelle cose adatte a me, visto che io adoro i post-it e menate simili, ma ormai con la penna non faccio quasi più niente (a parte correggere le bozze dei libri, chiaro).
Siccome poi sono la regina del perdere tempo, magari in questo modo riesco a raccogliere meglio i frutti dei miei voli simil-pindarici in internet alla ricerca di spunti interessanti per conoscere il mondo (virtuale e non).
Un giorno un conoscente ha detto, senza sapere che io ho un blog, che non capisce questa cosa del blog; cioè, perché scriverne uno, a che pro, insomma, non abbiamo sviscerato l'argomento, e lui è un giornalista, a quanto ho capito, quindi naturalmente sono scattate in me subito due cose, ovvero uno: senso di inferiorità; due: io sono una persona riservata, non mi metto a ribattere con un quasi-sconosciuto, soprattutto perché vedi il punto uno. Questo porta al fatto che tre: probabilmente sembro una pindula (rincoglionita) con cui non si fanno grandi discorsi, che non ha niente da dire ecc. ecc. e, da qui, probabilmente al fatto che la gente pensa che sono effettivamente una pindula (accento sulla "i", mi raccomando). Che ci devo fare, devo avere delle barriere psicologiche di un certo tipo. Non lo so. O forse è che non mi piace parlare di una cosa a freddo, senza rifletterci meglio ed essere sicura di quello che voglio dire. O magari sono un pochino lenta.  Io però ho una mia idea.
Ovvero:
uno: non mi interessa l'utilità del mio blog: è un blog personale, infatti non ha un argomento preciso del quale voglio parlare, ma è una scusa per me per scrivere qualcosa in momenti in cui ho voglia di farlo, e siccome sono timida e queste cose non le leggerebbe nessuno, almeno così c'è qualcuno che le legge. Quando parlo di riservatezza non scherzo: chiedetelo al mio moroso, che l'altra sera era seduto accanto a me con l'iPad ed era entrato nel mio blog e io gli ho detto di non leggerlo quando è vicino a me, cioè quando vedo che lo sta facendo, che mi vergogno. (Io c'ho dei livelli di imbarazzo parecchio imbarazzanti, lo so, ma mi volete bene anche per questo, no? Cioè, io me ne voglio.)
due: no io non lo farei mai un e-book o anche un libro in forma cartacea (o in carne ed ossa, come ha detto un giorno un autore di cui non posso fare il nome, ma che ha scritto davvero un libro) partendo dai post del mio blog. A parte che non si presta, ma comunque secondo me uno se vuole fare un libro ce se deve mette proprio di sana pianta (poi ovvio che le cose scritte in un blog sono sue e ce le può mettere, ma magari sarebbe da trattare più come una specie di appunti, solo che pubblici e commentabili invece che riservati a un bloc notes). 
tre: non credo che una persona si debba giustificare perché scrive in un blog. Mi sembra un po' come doversi giustificare se di notte ci si sveglia dopo aver fatto un sogno e lo si trascrive in un foglietto e il giorno dopo lo si va, che so, a raccontare o a rileggere a qualche amico. Insomma, ognuno fa un po' come cazzo gli pare, no?

Voglio dire, abbiamo un mezzo, usiamolo, poi è ovvio che ne esce anche una miriade di cazzate, fatto sta che a volte da un mare di merda salta anche fuori qualcosa di molto bello e interessante, si fanno simil-amicizie, o conoscenza, con persone di interessi simili (o opposti) e ci si scambia informazioni, si conoscono cose che non si sarebbero conosciute. D'altra parte, vengono pubblicati libri che sono di gran lunga peggiori di tanti blog (e lo so bene, cazzo se lo so bene!). 

Ho detto troppe parolacce? Be', dài, ogni tanto capita...

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…