Passa ai contenuti principali

Aaaaaaaaaaaaah

Ok, blogger è cambiato, ma se io prima di vedere come si fa a collegare il blog a Google+ e aggiungere il Google+ gadget e la Google+ macchinetta per il caffè voglio semplicemente scrivere un benedetto post nuovo, non devo stare 3 ore a togliere di mezzo le notizie delle novità per capire dove cacchio è il pulsante per aggiungere un post! (3 ore = 30 secondi, ma pregni di "ma che cazzo è sta roba?").
Ok, fatto. Ho come il lieve presentimento che questo post al momento dell'invio verrà magicamente cancellato. Perciò provvederò a fare CTRL C. (Se mi ricordo.)
Che sonno! Sonno sonno sonno! Ho corretto bozze da giovedì a oggi (che bello), e ora devo decidere cosa far fare alla pargoletta delle ripetizioni di inglese, e studiare un po'. Alla fine mi sono iscritta a quel corso di traduzione on line, un corsino, un corsetto, ma insomma, spero che porti buoni frutti. Potrebbe.

Giovedì-venerdì scorsi c'erano vibrazioni negative nell'aria: prima il microonde smette di colpo di scaldare (funziona, gira, ti dice "ciao, come va?" ma non scalda, l'unica funzione interessante che possiede, oltre quella di guardarti in cagnesco perché lo usi solo per scongelare le tue "porzioni singole", forse il suo è stato un ammutinamento). Siccome, sì, è vero, i vecchi di una volta dicono che loro vivevano in un'epoca in cui le cose rotte si aggiustavano e non si buttavano MA anche in un'epoca in cui aggiustare costava MENO che buttare e comprare, e soprattutto lo sapevano fare perché erano competenti e gli aggeggi erano più semplici e si aprivano anche solo un con grissino, abbiamo comprato il microonde nuovo.
Al negozio c'era un microonde di Hello Kitty. Non sto scherzando. C'era un microonde FUNZIONANTE, non per bambini, di Hello Kitty. E dentro dovevano metterci chi l'ha inventato.
Poi venerdì mattina mi spazzolo i capelli, mi cade la spazzola e si spacca a metà. Be', era di plastica e credo esistesse da più di 10 anni. Non so, me la sono portata via durante il trasloco da casa. Era verde (e un tantino orrenda e spezzava i capelli, quindi non una gran perdita, ecco). Un'altra cosa da comprare.
Il lettore DVD da qualche tempo saltava e non leggeva tutti i film, quindi altro acquisto.
Infine il mio cellulare. Il mio cellulare MIO vero, già aveva smesso di funzionare da qualche mese. Però per un pezzo ho usato uno vecchio del mio moroso. Ho detto, finché dura (o meglio, finché non me la sento di spendere la centella). E invece il destino aveva piani diversi per me (e il cellulare). Infatti, me lo sono infilato nella tasca della tuta mentre passavo l'aspirapolvere in bagno e mi sono abbassata troppo, e ho sentito un tonfo. "Che cacchio è caduto?", penso mentre mi giro, e poi vedo che dentro il water c'è una roba blu. Sì.
Ho comprato uno smartphone, per l'unico motivo che non si sa mai mi sia utile smanettare (a scopo cazzeggio, naturalmente, non a scopo lavorativo, quindi forse "utile" non è il termine corretto) su internet dal cellulare, un giorno. Era in offerta, ne valeva la pena. Se dura almeno 3 anni, ne valeva la pena. Fra 3 anni ve lo dico. 3 anni per me è la durata minima che ogni oggetto deve avere prima di potersi rendere inutilizzabile (eccetto il computer, quello dovrebbe durarne almeno 10, se volete facciamo 9 se vi piace di più che sia un multiplo di 3). Le spazzole dovrebbero durare per sempre, questa volta, infatti, ne ho presa una in legno.

Sono arrivata in fondo al post e... le etichette? Dove cacchio sono le etichette?

Ah, trovate.

Tendo ad agitarmi prima del tempo.

Commenti

magma ha detto…
Anch'io sono per il non-consumismo sugli oggetti tecnologici... telefoni e annessi devono durare almeno qualche anno (poi passato un po' di tempo mi ci affeziono pure!) ;)
Boy? ha detto…
Quoto tutto lo scritto.

Ho le lacrime agli occhi, scrivi in modo fantastico.

Appena smetto di ridere continuo a leggere i nuovi post.
Miky ha detto…
grazie, stamattina una botta di autostima mi serviva proprio... :)

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…