Passa ai contenuti principali

Domeniche luminose

Fa caldo, caldissimo per essere nemmeno metà marzo, e inizio ad avvertire l'imminente allergia. Che palle!
Qui si continua a lavorare a pieno ritmo, e sono così impegnata che non riesco più a fare niente: a leggere, a scrivere, ad aggiornare il blog. In più c'è la casa da tenere decente, e insomma, tutta la normale amministrazione direi.
L'8 marzo abbiamo festeggiato il nostro terzo anniversario (altro che festa della donna e mimosa, a me sono arrivati un bel paio di orecchini :)) e finalmente siamo riusciti ad avere un fine settimana tranquillo e rilassato, con tanto di cenetta a dir poco squisita sabato sera e passeggiata in riva al mare domenica pomeriggio, e proprio ieri, tornando indietro dal mare, mi sono ricordata di quanto ero triste qualche anno fa, in un periodo in cui ero così sola da rasentare la depressione (un momento davvero buio della mia vita, ma buio sul serio perché me lo ricordo proprio come una continua mancanza di luce, aiutata dal fatto che in effetti era gennaio, gennaio 2008 per la precisione, e di luce ce n'era veramente ben poca), e all'epoca avevo un altro blog, da un'altra parte, un blog che ora non c'è più, per fortuna, perché non è un ricordo che ho voglia di conservare. E in quel periodo, ogni tanto, quando ero a pranzo ed era domenica, pensavo a quanto mi mancavano le gite della domenica. Quando sei infelice e in più è inverno, la domenica non hai né motivo né voglia di andare in gita. Ero proprio sola, nel senso più profondo del termine.
Ero triste. Ed è stato per quello che poi ho ripiegato su, diciamo, "compagnie totalmente non alla mia altezza". Ma in quel periodo credevo di non meritare di meglio. E ho finito per farmi parecchio male, ma meno di quanto se ne sarebbe fatto un soggetto diverso da me, che per fortuna con la solitudine a volte riesce a fare tranquillamente i conti (non che trovi la cosa piacevole, ma può rendere forti, a volte).
A pensarci bene, poi, questo blog l'ho aperto verso la fine del 2008, quando le cose andavano leggermente meglio, ma non abbastanza, in effetti. Ancora non avevo trovato quello che chiamo il mio habitat naturale. Però devo ringraziare di aver ritrovato delle persone tramite Facebook e tramite la cena di classe (ormai era passato un anno da quel depresso e buio gennaio del 2008), di aver ricevuto un invito a una festa di carnevale, alla quale sono andata assieme a un'amica (una di quelle ritrovate da poco) e dove ho conosciuto quella splendida persona che ora è il mio dolcissimo Ale.
E così, ieri pomeriggio mentre rientravamo nella nostra casetta, gli ho detto, quasi con le lacrime agli occhi, che quando ero tanto sola se c'era una cosa che mi mancava erano le gite della domenica.
Sono contenta di non essermi arresa al buio, quel gennaio.

Commenti

bob ha detto…
sono contento che le cose ti stiano andando bene, non bisogna mai mollare, sono convinto che con la buona volonta' si puo' arrivare ovunque e superare qualunque periodo duro. ed e' curioso come gli avvenimenti della tua vita coincidano cronologicamente con i miei.
sara' che abbiamo piu' o meno la stessa eta' (come mi sembra, e senza offesa!).
Miky ha detto…
non so se c'entra l'età, magari era il 2008 a essere un anno di cambiamenti... :) macché offesa, qui classe '83, sono ancora abbastanza giovane da non dover nascondere gli anni!! ;)
bob ha detto…
le particolari condizioni sociali/economiche del biennio 2008/2009 hanno cambiato la vita di parecchia gente. fra qualche anno probabilmente saremo in grado di vedere meglio la situazione passata. io sono dell''82, siamo noi quella generazione cosi' geniale e cosi' bistrattata.

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Una tradizione è una tradizione

No ragazzi, qui siamo quasi fuori tempo massimo e io ancora non ho postato il mitico post di Natale! Ci sono – forse – nuovi lettori che non conoscono l'unica tradizione di questo blog, ovvero, la pubblicazione della storia di Babbo Natale più bella di sempre. Questa storia non ho mai capito se il prof Carlo Bassi l'avesse riscritta con parole sue, copiata da qualche altra parte, o magari semplicemente tradotta dall'inglese. Il blog su splinder del prof è stato uno dei primi nei quali mi sono imbattuta quando ancora non sapevo cosa fosse un blog, quando da poco avevo iniziato il tirocinio da redattrice e cercavo qualche risposta a qualche dubbio di traduzione dall'inglese. Il suo blog non è più attivo da qualche anno, e da qualche anno – ho scoperto di recente – il prof in questione è deceduto. Ma so che è stato mentore per molti, e a lui devo qualche dritta su come rendere meglio in italiano una frase in inglese, la scoperta di Mordecai Richler, una battuta di Winsto…

Sfiorarsi

Voi siete innamorati? No, non dovete rispondere raccontandomi i fatti vostri, ovviamente, ma è una domanda che mi fa riflettere, soprattutto perché mi è capitato di recente di vedere diverse persone che sembravano unite dalle circostanze, dagli anni, dalle decisioni prese in passato più che dall'amore. Parlo proprio di essere innamorati davvero – be', ognuno a modo proprio, comunque. Non so cosa significhi universalmente, ciascuno di noi, suppongo, considera la questione in modo diverso, ma so che a parte non poter immaginare di condividere la mia vita con nessun altro se non con lui, ci sono tutta una serie di cose che faccio perché c'è lui, (anche) grazie a lui, oppure pensando a lui, pensando alla sua felicità. Non significa che sacrifico me, significa che far felice me stessa è un modo per far felice anche lui (e lo so anche perché è lui per primo a dirmelo). Ma anche viceversa. So, per esempio, che quando compro un vestito che mi sta bene, sono contenta per come mi v…