Passa ai contenuti principali

E l'abbiamo fottuto sto 2008!


Ti ricordi quando è nevicato in marzo,

e noi abbracciati a guardare dal vetro,
la meraviglia davanti e quasi niente dietro,
e l'assente ticchettìo degli orologi al quarzo.

Quanto mi piace questa poesia. È strabella, stradolce e soprattutto arriva inaspettata. La prima volta che l’ho letta è stata una meraviglia. La dedico a te, naturalmente, sperando di riuscire a fartela leggere nel suo contesto un giorno, anche se le case editrici ci sono contro (ma la biblioteca di Casarsa dovrebbe potercela fornire!!).

Come si sta bene quando si sta davvero bene.
Mente libera, sguardo ottimista, nonostante alcune cose vadano messe a posto. Ma si fa tutto. È sempre stato così, e ogni volta che qualcuno mi racconta un suo problema il consiglio è sempre quello: si sistema tutto, a volte è una strada lunga, tortuosa e minata, ma ce la si fa. Che tu cambi le priorità o che rivoluzioni la tua vita mantenendo le stesse priorità poco importa, il risultato alla fine deve essere: è la migliore delle cose che sarei stato in grado di fare in questo momento. C’è sempre la via giusta, la sai sempre. Poi se vuoi sbagliare per sbatterci la testa contro è comunque un’esperienza che a volte va fatta.
Così, è un discorso generico che riguarda il 2008 e non serve dare spiegazioni ma lo scrivo perché sono sicura che un giorno potrebbe capitarmi di aver bisogno di rileggere queste parole, e so che le troverò qui.

Prima rileggevo qua e là il blog e ho pensato: “Ehi, mi sento proprio a casa mia in questo blog!” O cacchio per forza, è il mio!!! Deliri casuali, ma avevo voglia, oggi pomeriggio, di sentirmi proprio a casa e qui alla fin fine mi ci sento. Qui e in pochi altri posti che si trovano: in canzoni, libri, foglietti vari ed eventuali, pagine internet e soprattutto nella mia testa. Il posto in cui vado è il posto che mi creo. Ed è pure ben arredato! E riscaldato!

Tornando alla poesia d’apertura: non è dolcissima? Neve, silenzio ovattato, un vetro che separa il caldo (dentro, casa, abbracciati) dal freddo (la neve, il mondo fuori che fa tanta paura [lo dico perché è in sintonia con la psiche un po’ malata dei protagonisti]). Ma è marzo, nevicata inaspettata, quello che di bello ha l’inverno ti saluta mentre la primavera già arriva: il niente dietro, un inverno triste che se ne va e la meraviglia di quello che sta arrivando. E poi quel silenzio, così profondo perché non ci sono orologi che ticchettano (eh sì il protagonista, fobico, non li voleva in casa!). Tempo sospeso.

Sono così dolci, rassicuranti e felici questi quattro versi. Capitano dei momenti così, se vi accade godeteveli, assaporateveli perché durano un battito di ciglia, ed è per quello che ne è valsa la pena.

Commenti

Post popolari in questo blog

15 motivi per vietare i matrimoni gay in Italia

Essere gay non è naturale. I veri italiani rifiutano ciò che è innaturale, come gli occhiali, le scarpe, il poliestere e l’aria condizionata.Il matrimonio gay spingerà le persone ad essere gay, allo stesso modo in cui vedere in giro persone alte fa diventare tutti alti.Legalizzare il matrimonio gay aprirà la strada a ogni tipo di stile di vita folle. Le persone vorranno sposare i propri animali domestici, perché ovviamente un cane ha una personalità giuridica e i diritti civili per sposarsi, nonché la capacità di dichiararsi consenziente o meno al contratto giuridico.Il matrimonio eterosessuale esiste da moltissimo tempo e non è mai cambiato minimamente; le donne infatti sono ancora una proprietà del marito, le nozze sono decise dai genitori, il padre ha il diritto di vita e di morte sui figli, i neri non posso sposare i bianchi e il divorzio non esiste.Il matrimonio eterosessuale perderà valore se sarà permesso anche ai gay di sposarsi. La santità dei sette matrimoni di Liz Taylor ve…

Poi sarà tutto lì

Ieri stavo scrivendo un post che parlava più o meno di serie TV. Mi piace sottolineare più o meno, perché in realtà non sono una che ne segue a bizzeffe e quindi non sono la persona più appropriata per redigere al riguardo un post davvero interessante. Ne seguo una, praticamente. Poi però la stanchezza ha avuto il sopravvento. Tirare l'orecchio per sentire se lei si sveglia, sperando che non si svegli per poter scrivere tranquillamente, a volte è più snervante che tenerla in braccio quando è stanca e non vuole dormire. E così ho pensato a una cosa che mi ha detto mio marito l'altra sera, quando mi ha vista un po' "smonata" per via di vari avvenimenti che non sto qui a descrivere nel dettaglio. E ha detto una frase che mi fa capire che a volte chi ti sta intorno ti capisce meglio di te stessa. Oppure, lo esprime più liberamente perché te lo legge chiaro in faccia. "Hai bisogno di riprenderti i tuoi spazi". Quanto è vero. Il fatto è che qualche mese fa lo…

Mi hanno intervistata...

...su mia richiesta! È stato divertente essere ospite da Moz per una delle sue ormai celebri Mozinterviste, che potete leggere qui anche perché quando mi ricapita di essere intervistata da qualcuno?
E mi ha fatto ripensare al periodo in cui ho aperto il blog e andare indietro nel tempo di 20 anni. Altro che Doc e Marty! Se volete sbirciare passate da lui 😎